Dario Greggio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia che vanta innumerevoli tentativi di imitazione.
Jump to navigation Jump to search
Dario Greggio in una foto d'archivio

Dario Greggio, (Torino del Grappa, 5 brumaio 1967) è stato un fenomeno virale ma poi ha preso la medicina e gli è passata. Assurge alla notorietà sbraitando su YouTube contro Berlusconi, cosa che non causerà la caduta del Governo Berlusconi IV solo perché Berlusconi non va mai su internet dato che le fighe se le ritrova direttamente a casa.

Biografia

Nasce, va a scuola, solite robe che non interessano a nessuno, finché non gli regalano un Commodore 64 con un solo gioco, che finisce dopo 15 minuti. Com'è noto, negli anni '80 non era possibile reperire giochi legalmente, quindi inizia a craccarne così tanti che gli danno anche un premio per farlo smettere, inutilmente.

Nel 2010 diventa famoso per un paio d'ore strillando contro Berlusconi e altra gente a caso incolpandola di ogni nefandezza umana, ma soccombe alla concorrenza di fenomeni ben più baracconati che urlano di più contro cose ancora più assurde. Questo comunque non impedisce al Greggio di ottenere uno stuolo di fan che lo idolatrano per motivi ignoti allo stesso vlogger.

Nel 2013 riconsidera le sue critiche a Berlusconi dopo essere a sua volta vittima di un'incredibile congiura delle toghe rosse, che lo costringe alla latitanza in una disabitata valle alpina. Ivi si ciba di bacche e radici finché non viene scagionato perché "non solo il fatto non sussiste, ma l'imputato ha già abbastanza guai di suo".

Il pensiero Greggiano

Dario Greggio durante l'orazione quotidiana, con indosso le sacre vesti

La fama iniziale del Greggio non ha dato, inizialmente, il seguito che si sarebbe aspettato. Molti lo avrebbero reputato uno dei numerosi fenomeni da baraccone su Youtube che erano molto in voga all'epoca, nella sottocategoria dei video con la gente che bestemmia. La particolarità di Dario Greggio, però, sta nei poetici aforismi che costellano la sua opera, di cui seguono alcuni esempi.

  • "La colpa è tua e di quella puttana di tua madre che ti ha messo al mondo" - secondo il primo cardine della filosofia greggiana, la nostra colpa è quella di esser nati.
  • "Chi non è onesto può rimediare risarcendo e chiedendo scusa" - capita a tutti di fare errori, l'importante è saper rimediare; vanno bene contanti o assegni circolari, no bonifici.
  • "Chi non risarcisce deve morire", preferibilmente "devastato dai cancri" - ma anche uno schianto in auto, una sifilide o un incidente automobilistico (o malattia cardio-vascolare, per i più anziani) sono una buona alternativa. Fermo restando che i contanti sono meglio.

Tecniche di turpiloquio

A differenza di Nonno Fiorucci o di Germano Mosconi, la cui rabbia è sempre stata di circostanza, il turpiloquio greggiano è costante, intenso, e crescente in una spirale di insulti sempre più gravi. Può ad esempio partire con un relativamente innocuo "Madonna bastarda" per proseguire con auguri di morte in galera che culminano in invocazioni di morte per tutta la prole del soggetto, anche se incolpevole. Tipica inoltre l'enfasi quasi orgiastica in cui termina l'orazione, con un sorriso allegro, gioioso, puerile, accompagnato da un goliardico e spontaneo dito medio.

Riconoscimenti

Greggio ha vinto il Premio Snobel per la Medicina 2020 per la capacità di resistenza dei tendini del suo collo, sottoposti a prove praticamente sovrumane durante le sue esternazioni.

Filmografia

Fotogramma tratto dal porcoddio di Berlusconi
  • Basta col porcoddio di Berlusconi - Il video più virale, solo a guardarlo viene la bronchite
  • Truffe per posta - Come farle o come evitarle, non è chiaro
  • Messaggio a quel figlio di puttana dell'ex socio - Censurato nel Tirolo per vilipendio alla religione
  • Addio all'Austria - Dopo aver prestato 60.000 euro a un'immigrata austro-serbo-zingara si stupisce che non gli siano restituiti subito
  • Auguri di fine anno 2021 + goduria per variante Omicron del COVID - Censurato in Italia per vilipendio del COVID

Collegamenti esterni