Bigliettaio dell'autostrada

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia ebbasta.
Jump to navigation Jump to search
Un classico bigliettaio simpatico e cortese

I bigliettai dell'autostrada sono particolari tipi di carcerati/parassiti la cui pena consiste nello stare tutto il giorno chiusi in dei cubicoli a prendere un biglietto (che sarà anche il loro pranzetto quotidiano) e degli spiccioli a tutte le millemila macchine che passano sull'autostrada.

È una pena particolarmente dura ed è riservata solo per reati stragisti o di genocidio.

È comunque vietata dalle seguenti associazioni: convenzioni di Ginevra, il protocollo di Kyoto, l'ONU, Fondazione di Padre Braccobaldo e solo alcuni paesi arretrati come l'Italia, l'Austria (quella dei canguri) e l'Australia (quella della cioccolata) la adottano ancora, spesso come sostitutivo della pena di morte e sono controllate da giri di stampo mafioso per riuscire a racimolare così tante monetine da poter finalmente pagare un biglietto per il parcheggio da 99cent o per riuscire finalmente a dissetarci con un buonissimo caffè a una macchinetta automatica che non da resto.

Come riconoscerli

Nel 99,99999999% dei casi i bigliettai si presentano all'ignaro automobilista in Golf blu con la tessera delle autostrade ben in mostra con attaccata qualche biro e buoni sconti da McDonald's. Non si può dire che tipo di pantaloni indossino (se li indossano) perché dalla propria autovettura si può intravedere solo mezzo bigliettaio l'altra metà è avvolta nell'ombra e nell'oscurità più totale, grazie a questo fattore, se la parte sopra ti sembra niente male (nel caso di una donna) e pensi di invitarla fuori a cena è meglio lasciar perdere perché ti si può presentare al ristorante senza la parte di sotto volteggiando nell'aria facendo cadere l'attenzione proprio su di te!!!

Come escluderli da società

Sostuendoli con le più pratiche ma meno simpatiche casse automatiche.

I tipi di bigliettaio

I bigliettai sono divisi in diverse categorie di cui:

  • quelli perennemente incazzati, che non ti salutano, che si sbagliano con il resto e si arrabbiano se gli fate notare che mancano 100€ al resto di 120€.
  • quelli sempre felici, che non ti salutano e non ti cagano perché stanno chiacchierando e ridendo con i loro colleghi e pure loro si sbagliano a dare il resto e quando glielo si fa notare si risbagliano a darlo...
  • le fighe, che ti chiedi perché siano a lavorare proprio in quel posto che sembra così poco fashion...
  • le bruttone, con loro non ci si fa nessuna domanda infatti si pensa e basta che dopo che aver battuto ciglia invece della moglie e dei figli ci si ritrova una famiglia composta da bigliettai pure bruttissimi.
  • il perfettino, si distingue per il suo carisma e la sua professionalità nel suo lavoro, avendo tutte le biro in ordine e tutte le banconote disposte in ordine verticale per dimensione, bellezza del colore, luccicanza sotto la lampadina. Questo soggetto non si sbaglia quasi mai con il resto e anche se si sbagliasse continuerebbe a negare all'infinito costringendo l'automobilista a rinunciare ai propri 20cent (una volta a casa e consapevole dell'errore commesso si fustigherà mangiando una scatola di biglietti appena sfornati.