Presunzione

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera con l'indulto.
Jump to navigation Jump to search

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Magari hai fumato troppo. Se cercavi la causa, vedi Megalomania.
« Sì lo so, è tutto merito mio »
(Qualcuno a un altro che parlava ciò che ha fatto un terzo)
« I am the best »
(Presuntuoso sempre e comunque)
« Se la donna se la tira, gli uomini se lo allungano? »
(I dubbi esistenziali sulle relazioni tra la presunzione e il sesso)


La presunzione è quella sindrome di cui chi ne è affetto si crede un Dio in terra, e adesso tu ti aspetti che io dimostri di essere presuntuoso; al massimo lo sarai te, noob, credendo di sapere tutto. Prendi invece esempio da me e dalla mia saggezza.

Breve storia

Conosciuta anche col termine di arroganza, la presunzione si inizia a presentare come sindrome già nell'antica Grecia. Un esempio si trova già nell'Iliade, di cui presentiamo un dialogo:

- Soldato greco: “Agamennone, dobbiamo restituire la schiava Criseide, altrimenti la peste decimerà l'esercito!”
- Agamennone: “Come? Ma neanche per sogno! Finalmente io trovo una donna degna della mia grandezza, e voi la volete portare via! Ricordate che sono il vostro re!”
- Achille: “Stai calmino, Agamennone, e smettila di fare il coglion... volevo dire smettila di fare il bambino. Ne va della salvezza dell'esercito e dell'esito della guerra.”
- Agamennone: “Tu stai un po' zitto, razza di pseudo-culturista invincibile. IO SONO IL CAPO, ed esigo che voi facciate così!”
- Achille: “Davvero? Allora sentimi bene: ci hai trascinato in questo posto dimenticato da tutto il pantheon greco per un problema TUO e di tuo fratello, ci hai fatto assediare questa città, hai fatto morire qualche migliaio di soldati che non conosci, hai costretto tutti a rimanere qua per quasi dieci anni, manco fossimo in vacanza forzata, e ora fai il capriccioso? Che ne dici di ritornare in quel buco da cui sei uscito, allora?”
- Agamennone: “Fai così, sai che ti dico allora? Io restituirò la mia schiava, ma mi prenderò la tua! E non protestare!”
- Achille: “Bene, ma non ti aspettare aiuto da me, vecchia cariatide rattrapita! Io sono troppo importante per stare con te e i tuoi burattini! Addio! Non combatto più!”

Notare che Agamennone alla fine contagia Achille con la presunzione. La presunzione raggiunge il suo massimo splendore sotto l'Impero Romano, durante il quale i regnanti si dilettano facendo costruire enormi statue che li ritraggono e facendosi dedicare le poesie dei più importanti poeti. L'imperatore che ha sofferto più di presunzione è di sicuro Nerone, che pare abbia all'attivo centosettantacinque statue alte più di 50 metri, 6000 vasi col suo volto, oltre 1500 componimenti a lui dedicati (la maggior parte scritti da lui stesso) e un incendio causato al fine di dare più spazio ai tempi a lui dedicati.

Cause

La presunzione può avere varie cause, tra cui:

  • Depressione
  • Troppa poca attenzione (ma io sono amato da tutti, perché io sono il migliore)
  • Troppa attenzione
  • Carenza di buchi essenziali

Sintomi

I principali sintomi della presunzione sono:

  • Credersi Dio[1]
  • Pensare che tutti amano il il soggetto affetto e anche soprattutto il sottoscritto, perché io lo penso, tu no?
  • Prendersi meriti di azioni positive che hanno fatto gli altri... Ah lo so, pensi che Nonciclopedia è migliore solo perché ci sono io.

Curiosità

te.

  • L'unica persona immune a cause e sintomi sopra elencati è Robert Downey Junior/Tony Stark... Nessuno sa perché.

Voci correlate

Note

  1. ^ ed io lo sono, mentre tu NO