Nonno a reazione

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia biologica a km 0.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Il nonno a reazione è un moderno ritrovato della scienza atto a creare mezzi di locomozione a energia petoeolica dai legumi con l'ausilio di un comune "anziano" reperibile in casa, come quelli che si trovano di solito a ciondolare di stanza in stanza senza un perché, o addormentati sul divano davanti a Forum. Per fare il nonno a reazione occorre avere almeno 70 anni e un nipote. Gli aspiranti nonni a reazione vengono chiamati padri a reazione.

Il sistema è principalmente implementato in Italia e Giappone, ovvero i due paesi più longevi del mondo nei quali la popolazione anziana supera quella giovane. Il metodo del nonno a reazione, oltre a ricavare energia, è anche ottimo per risollevare l'economia dei due paesi.

Un apprendista nonno a reazione.

Funzionamento e utilizzi

Il corretto utilizzo di un nonno a reazione richiede da un etto a due chili di fagioli, ceci, o altri legumi ad elevato potere petofonico, da somministrare al soggetto possibilmente di nascosto[1], anche perché il potenziale nonno a reazione non mangerà 2 chili di fagioli se non ne avrà voglia: l'umore di un nonno a reazione è lunatico.

Si procede quindi a inserire il nonno a reazione in un'automobile col posteriore esposto fuori dal finestrino[2] o, meglio ancora, al posto del lunotto posteriore. I processi digestivi provocheranno l'immissione nell'ambiente di una quantità impressionante di energia, tale da conferire all'automobile una velocità di crociera attorno agli 80 Km/h (costante) e un'autonomia di 2-2,5 ore, col solo inconveniente di non poter frenare. Molto utile se si rimane senza benzina in autostrada.

Altro utilizzo è quello nel campo delle energie rinnovabili: un nonno a reazione collegato a una turbina elettrica può produrre fino a 3 GW, e provocare la morte istantanea di ogni zanzara nel raggio di 700 metri. Il nonno a reazione è quindi ottimo anche per liberare l'umanità dai fastidiosi insetti, anche se con l'inconveniente di accaldare le già torridi estati.

Infine se n'è proposto l'uso per la combustione di scorie nucleari, ma la comunità scientifica non è concorde su quale dei due fenomeni sia più deleterio per le specie viventi. Dipende se lo scienziato in questione venga corrotto dalle centrali nucleari o dai produttori di legumi.

Articoli correlati

Note

  1. ^ Particolarmente utili allo scopo i nonni rincoglioniti da 30 anni di Mediaset.
  2. ^ Accorgimento previsto dalla legge dopo l'ennesima strage familiare dovuta a esalazioni di n.a.r. incontrollate.