Nonnotizie:Nuovo partito di Ferrara

Jump to navigation Jump to search

16 febbraio 2008

« Non ci penso nemmeno a votarlo! »

Proprio quando si pensava che non ci fosse limite al peggio, proprio quando Clemente Mastella aveva fatto cadere il governo Prodi, gli italiani credevano d'aver toccato il fondo. "Da qui si può solo risalire", ci si diceva. E invece no, si può ancora scavare!
L'illustre Giuliano Ferrara ha ora illustrato che se si tocca il fondo si può sempre scavare, e ha prontamente ideato un nuovo partito.

Ferrara in riunione di partito.

Pro life: questo è il nome provvisorio della nuova minchiata formazione, anche se sembra che il nome con cui apparirà nelle schede elettorali sarà PCISBCICAVPFAPC, ossia Partito Clericale Inventato e Strumentale Basato sul Clericalismo e sull'Ignoranza Crassa che Accaparra Voti per Permettere a Ferrara di Andare in Pensione Contento. Tuttavia, il nome del partito verrà abbreviato, in memoria del passato del Giulianone nazionale, in PCI.

Già prima di avere il nome, il partito ha fatto il colpaccio: saggiamente, Ferrara ha preferito disertare il dibattito con Pannella perché "la RAI non è adatta a discutere di vita". "Molto meglio - continua Ferrara - fare come me: sostenere la correttezza di mandare sette poliziotti a interrogare una donna che ha appena abortito legalmente (metti che scappa...) e sequestrare il feto, dopo una denuncia anonima rivelatasi poi infondata".