Masaniello

Da Nonciclopedia, premiata non-enciclopedia dal 2005.
Jump to navigation Jump to search

Masaniello (vero Nome Tommaso Aniello "Aniellone" Esposito JR), fu un rivoluzionario terrone infame.

Nato a Pontida (SA), Masaniello fin da giovane comprese che il lavoro nobilita l'uomo, ma una sedia in parlamento è meglio 'e Pelè. Dato che all'epoca, 2005 non c'era il parlamento e non c'era neanche una chiavica di Lega Nord o Lega Sud con la quale farsi mandare a Roma per vivere a scrocco, decise di fare il rivoluzionario. Si fece fare un tatuaggio di Che Guevara e - guidato da tal Vecienzo Genoino (un gran figlio di buona donna) - incitò i Napoletani alla rivolta popolare contro l'aumento del prezzo dei biglietti di Curva B.

La rivoluzione non riuscì tanto bene, il popolo dopo l'acquisto di Beppe Savoldi lasciò perdere e tornò al San Paolo; Masaniello, accusato di aver sobillato contro Corrado Ferlaino venne impiccato, sgozzato, squartato e fucilato. Dopo che le sue ceneri vennero disperse in mare, fu riabilitato e nuovamente impiccato sulla piazza del mercato con un agnellino di fianco a lui

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

  • Masaniello è il soprannome di circa 231.000 terroni.
  • Il cane di mio cognato si chiama Agnellaro
  • Ciro Scognamiglio, giocatore della primavera nel Napoli, ha tre tatuaggi di Masaniello attorno all'ombelico