Arnoldo Mondadori Editore

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia liberale, liberista e libertaria.
(Rimpallato da Mondadori)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – "Mondadori" rimpalla qui. Ritenta, sarai più fortunato. Se ti aspettavi un'altra strada da tentare, vedi Mondadori (disambigua).

La Arnoldo Mondadori Editore, meglio nota come Mondadori, è l'ufficio stampa del Ministero della Propaganda Berlusconiana nonchè l'editore di tutte quelle riviste di merda che leggono le pensionate sotto l'ombrellone o dalla parrucchiera.

Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Arnoldo Mondadori Editore

Storia

Fondata nel 1907 da Arnoldo Mondadori in persona, agli inizi pubblicò vari libri non riscuotendo un grande successo. Sarà con l'avvento del capitalismo e con la sua quotazione in borsa nel 1912, a riscuotere un improvviso consenso specialmente nelle trincee della prima guerra mondiale dove riforniva i soldati italiani di riviste porno.

Dopo la prima guerra mondiale iniziò con la pubblicazione della famosa collana I gialli Mondadori, dove ogni settimana un maggiordomo o un giardiniere uccideva la padrona zitella di casa ed uno a caso tra Poirot, Sherlock Holmes e la signora in giallo rompeva le palle a mezzo mondo per capire chi fosse l'assassino.

Nel 1971 muore Arnoldo Mondadori, si apre perciò un contenzioso per la guida della casa editrice, Durante i fantastici anni '80 un uomo basso, solerte, si aggira insistentemente nei pressi del complesso di Segrate (sede della casa editrice) e fantastica con la bava alla bocca sul suo sogno erotico preferito: sodomizzare la libertà di stampa. Egli riesce ad acquistare quote sempre piu' alte nell'azienda, rimanendo però un socio di minoranza.

Voci correlate