Sindrome da deficit monetario

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Nonciclopedia, l'enciclopedia deliberatamente idiota.
Uomini con tuta.jpg
ATTENZIONE: MALATTIA CONTAGIOSA NEI PARAGGI
La malattia e/o sindrome e/o patologia descritta
in questa pagina è estremamente pericolosa!
Per evitare che si possa diffondere una pandemia si consiglia di non mangiare nulla che proietti ombra prima di aver letto attentamente tutto l'articolo.
Bill Gates, neo-afflitto da questa sindrome, sta finendo l'ultimo rotolo di carta igienica
« Ormai rubo per tenere tutto per me »
(Robin Hood su sindrome da deficit monetario)
« Soffro di questa sindrome da quando il prezzo della Barbie è raddoppiato »
(Un poveraccio su sindrome da deficit monetario)
« Non posso neanche più permettermi la carta igienica »
(Bill Gates su sindrome da deficit monetario)

La sindrome da deficit monetario (per i più ignoranti chiamata semplicemente "la povertà dei poveri") è un disturbo psicologico importato in Italia direttamente dai Paesi del Terzo Mondo e che lavora a livello inconscio.


Introduzione[edit]

Persona visibilmente incazzata con questa sindrome.

Tale fenomeno colpisce la plebe, la feccia, le persone ananalfabetate, praticamente stupratori e rapinatori (una minoranza del 75% stando alle ricerche dell’ISTAT – l’Istituto Statistiche Taroccate A Tempopieno), che si lamentano di non poter comprare tante Barbie quante ne acquistavano dieci anni prima.

La sindrome, dilagata in Italia verso la fine del lontano XX secolo, crea inoltre ai poveracci l’illusione di aver diritto di pagarsi l’affitto e di arrivare a fine mese. Tsé.

Cause[edit]

Secondo alcuni pseudo-economisti, tale fenomeno si è aggravato dopo l’introduzione dell’euro. Naturalmente questa è una stronzata per mille motivi; il più eclatante è perché non è così, e basta.

Se a questo punto hai qualche obiezione da fare significa che anche tu sei un poveraccio di merda e devi farti curare (vedi voce cura più sotto).


Effetti[edit]

In fila indiana per entrare nei negozi "Tutto a 1 euro".
  • Per poter saziare la smania irrefrenabile di acquistare, la persona afflitta depreda i negozi “Tutto a 1 euro”.
  • Tende a stare a bocca aperta e a sbavare ingiuriosamente di fronte alle vetrine dei negozi.
  • Sbava in maniera così disgustosa sino a morire per disidratazione.
  • Per sentirsi più ricca, la persona dipinge casseforti finte alle pareti di casa e riempie il portafogli con carta straccia
  • Sopra il comodino tiene un santino raffigurante zio Paperone.
  • Occasionalmente ha degli incubi notturni ambientati alla Zecca dello Stato.

Cosa fare quando ci si imbatte in una persona afflitta da questa sindrome[edit]

  • L'azione più efficace studiata sino a ora è infierire mostrandogli la propria Ferrari nuova fiammante e poi buttare la persona giù da un ponte perché altrimenti te la frega.

Cura[edit]

Nonostante vari studi, portati avanti con torture e lobotomizzazioni, non è stata trovata alcuna cura efficace.

Per il momento l’unica soluzione rimane la soppressione, la Cassazione ha approvato il reato di povertà per i poveri, sanzionandola con la reclusione perpetua, in quanto "povero è chi povero vuole esserlo" come disse il colonnello Patrick Lubumba.

Voci correlate[edit]

Medicina.png L’ars medica dall’Aborto alla Zoofilia Medicina.png

Tipologie di dottoroni Dottori (o presunti tali) famosi Veleni assortiti
I ferri del mestiere Terapie d'urto Malattie che sono malattie
Malattie che non sono malattie (forse) Frattaglie assortite (approvate dal MOIGE) Cose che (sempre secondo il MOIGE) non fanno parte del corpo umano
Clicca su una categoria per espanderla.