Servizio sanitario nazionale

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera su cauzione.
Jump to navigation Jump to search
Grazie alla nuova tessera sanitaria, dotata di microchip[mica cazzi], il farmacista potrà conoscere la misura del tuo pene e darti finalmente i preservativi della giusta misura.

Il Servizio sanitario nazionale (sigla SSN[1]), nell'ordinamento giuridico italiano, identifica il complesso delle funzioni, delle attività e dei servizi assistenziali gestiti ed erogati[da verificare] dallo Stato italiano. Il diritto alla salute[2] trova fondamento nell'art. 32 della Costituzione, il fatto che si esaurisca in due striminzite frasette la dice lunga sull'importanza data a tale questione.

« La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività[3], e garantisce cure gratuite agli indigenti[4]. »
(Prima parte dell'art. 32.)
« Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario[5] se non per disposizione di legge[6]. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana[7]. »
(Seconda parte dell'art. 32.)

Secondo una ricerca dell'OMS, risalente al 2000, l'Italia aveva il secondo sistema sanitario migliore del mondo, sia in termini di efficienza di spesa, sia per quanto concerne l'accesso alle cure pubbliche da parte dei cittadini, specie da quando ci sono le porte ad apertura automatica, quelle che se c'è una fila all'ingresso ti prendi una polmonite perché continuano ad aprirsi. Il dato è emerso nel corso di una discussione riguardante la liberalizzazione della marijuana ad uso terapeutico, quindi accogliamolo con un prudente scetticismo.
Nel 2014, secondo una classifica che ha riempito di orgoglio Matteo Renzi, risultava terza nel mondo per deficienza della spesa.
Il servizio era conosciuto in passato col nome di Mutua, ma dire "sono in Cassa Mutua" sembrava come stare con un piede nella bara. Si è deciso allora di cambiagli nome, anche se in sostanza il pericolo è rimasto lo stesso.

Storia

SSN: se lo conosci lo eviti!

Prima della sua istituzione il sistema assistenziale-sanitario era basato su numerosi "enti mutualistici", chiamati anche "casse mutue". Il più importante tra essi era l'INAM[8], in origine Ente mutualità fascista, voluto espressamente da Mussolini e da chi ci avrebbe "intinto il pane". Da esso dipendevano altre piccole mangiatoie[9], ciascuna dei quali competente per una determinata categoria di lavoratori, che garantivano l'assistenza ospedaliera. Fu subito evidente una certa disomogeneità delle prestazioni assicurate, si andava dalla stanza privata con troia (offerta agli avvocati), alla carriola in un ex sanatorio per lebbrosi (riservata agli edili). In alcuni casi alcune mutue potevano arrivare perfino alla mancata copertura, pur garantendo tutte la sepoltura.
Ovviamente, con l'introduzione del Servizio sanitario nazionale tutti questi enti sono spariti. Col cazzo!
Si sono trasformati in istituti assicurativi privati, più o meno. La cassa mutua privata degli onorevoli, riservata anche agli ex parlamentari, ai familiari e ai beneficiari "di quota" del vitalizio[10], ci costa... (certo che paghiamo noi, cosa credevate?!)... circa 10 milioni di euro all'anno. Questa particolare assicurazione sanitaria, conforme alla normativa europea[fonte Pinocchio], provvede alle cure mediche ed ospedaliere, al frequente e necessario ricovero in centri per la cura dello stress, alle cure per l'irrigidimento inguinale e per tutti quei fastidi che richiedono interventi fisioterapici particolari. Tutto questo in strutture convenzionate nelle quali anche il normale cittadino può accedere, vendendo la propria figlia ancora vergine ad uno sceicco arabo.
La legge 296 del 13 marzo 1958, emanata durante il Governo Fanfani II, istituì il Ministero della sanità e riformò il sistema ospedaliero secondo la logica del gioco delle tre carte:

  • gli ospedali divennero enti pubblici a tutti gli effetti, col conseguente "balletto" delle cariche politiche;
  • estinse i debiti accumulati dagli enti mutualistici nei confronti degli enti ospedalieri[11];
  • diede il via alla grande abbuffata generale in ambito sanitario.
Cosa c'entrano questi due col SSN?! Almeno uno c'entra di sicuro!

Per vent'anni tutto filò liscio, i vari governi della Democrazia Cristiana garantirono stabilità e foraggio abbondante.
"Perché fu necessario riformare tutto daccapo ed arrivare al Servizio sanitario nazionale?"
Questa è una buona domanda.
Era il 1978, eravamo al Governo Andreotti IV, l'anno del compromesso storico. Il PCI era inarrestabile e continuava a guadagnare consensi, la DC rischiava di capitolare e perdere il Paese. Il loro presidente Aldo Moro tese la mano al nemico di sempre, quel comunistaccio di Enrico Berlinguer, fu il suo ultimo errore. Il 9 maggio lo statista fu trovato privo delle fondamentali caratteristiche che definiscono un essere "vivente", qualcuno afferma per colpa delle Brigate Rosse. Il dubbio è lecito, specie per gli appassionati di gialli. Il Tenente Colombo si sarebbe fatto subito la classica domanda: "Chi ci ha guadagnato dalla sua morte?" I comunisti non molto, videro ricompattarsi la DC e stringere alleanze con altri partiti, garantendosi così gli anni a venire. Il 23 dicembre 1978 fu approvata la legge n. 833, grazie anche ai voti di Repubblicani e Socialdemocratici, che soppresse il sistema mutualistico ed istituì il SSN con decorrenza 1 luglio 1980. La data non fu certo buttata lì a caso, bisognava infatti attendere che si formasse il successivo Governo Andreotti V (20 marzo 1979), che confermò la coalizione formata da DC, PSDI e PRI, nonché le nomine promesse nella nuova struttura.

Struttura

Il Servizio sanitario nazionale non è un'unica amministrazione, ma un insieme di enti ed organi che concorrono al raggiungimento degli obiettivi di tutela della salute dei cittadini, nonché a soddisfare il crescente fabbisogno di poltrone per i politici. Lo compongono infatti:

La Sanità è un servizio: dobbiamo fartelo, non opporre resistenza.
  • il Ministero della salute, che coordina il piano sanitario nazionale, ossia il modo in cui saranno sperpera spartiti i soldi dei contribuenti;
  • il Consiglio superiore di sanità (CSS) formato a sua volta da:
    • l'Istituto Superiore di Sanità (ISS)
    • l'Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza del Lavoro (ISPESL)[12]
    • l'Istituto Superiore A Qualcos'altro (ISAQ)
    • l'Istituto Non Inferiore A Nessuno (INIAN)
    • l'Istituto Arrivato Secondo per Sfiga (IASS)
    • l'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Age.na.s.)
    • l'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari del tuo Condominio (Age.na.c.)
    • l'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari dei Vendicatori (Age.of.Ultron.)
    • gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS)
    • gli istituti di ricovero e cura a carattere comeceviene (IRCCC)
    • gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali[13]
    • l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)[14]
  • i "servizi sanitari regionali", che a loro volta comprendono:
    • le regioni e le province autonome di Trento, Bolzano e Montecitorio
    • le aziende sanitarie locali (ASL, acronimo di Aspetta Senza Lamertarti)
    • le aziende ospedaliere (AO[15])

I fondi

Finanziamenti diversamente legali per l'AIFA.
La lista di attesa per una TAC è molto lunga.

Per svolgere questo importante servizio ovviamente servono soldi, una fracca[16]. Il finanziamento del Fondo sanitario nazionale trova le proprie fonti in:

  • entrate proprie e ricavi delle aziende sanitarie (boh, forse vendendo organi al mercato nero);
  • imposta regionale sulle attività produttive (IRAP);
  • imposta criminale sulle attività produttive (PIZZO);
  • imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF);
  • imposta sul reddito delle entità ectoplasmatiche (GHOST).

Ma come viene sparito il mallop finanziamento?
Il 97,95% delle risorse stanziate, 109.902 miliardi di euro nel 2014, viene dedicato ai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), ovvero, i servizi e le prestazioni standard assicurate ad ogni cittadino. I LEA sono ridistribuiti a loro volta in LEI, LUI e ILLO, destinando il:

  • 5% alla prevenzione verso la collettività ed il singolo;
  • 45% all'assistenza ospedaliera;
  • 50% ai distretti presenti sul territorio.

Quindi, invece di avere il doppio degli ospedali, la metà dei soldi finisce per mantenere quelli a cui devi domandare se hai diritto all'assistenza... ... "MA VAFFANCULO!"
A questo punto parliamo di ticket, che... ... no, scusate... "MA RIVAFFANCULO!" ... (ok, ora sto meglio)
La compartecipazione dei cittadini italiani alla spesa sanitaria nazionale, ovvero i ticket da loro pagati, nel 2013 era pari a 4.4 miliardi di euro, di cui:

  • 2 miliardi per l'acquisto di farmaci,
  • 1.5 miliardi per ticket corrisposti in ambulatori e ospedali pubblici,
  • 800 milioni per i ticket corrisposti alle strutture private ma convenzionate,
  • 100 milioni pagati per servizi non utilizzati, probabilmente perché il paziente era già morto prima che arrivasse il secolo dell'appuntamento.

La ripartizione

Tra le Regioni e le Province autonome i fondi vengono ripartiti per quota capitaria differenziata pesata, ovvero secondo alcuni criteri oggettivi:

La Sanità taglia i posti letto in ospedale?
Sticazzi! Da oggi c'è BÅRNARD, in pregiato acero, ideale per i lacero contusi.
  1. l'età, ovviamente più anziani ci sono e più è necessaria assistenza;
  2. il sesso, le donne tendono ostinatamente a restare incinta e fare bambini, che appena nati richiedono cure;
  3. gli indicatori territoriali epidemiologici, perché la malaria preoccupa ancora molto l'Istituto Superiore di Sanità;
  4. i tassi di mortalità, soprattutto nelle regioni in cui è facile scontrarsi con una pallottola.

Da questi complicati calcoli scaturisce la disponibilità regionale di posti letto negli ospedali, ogni 1.000 abitanti. Riportiamo solo i casi più interessanti.

  • Il Molise, che peraltro non esiste, dispone di 5,22 posti letto ogni 1.000 abitanti. Già tutti emigrati.
  • Il Trentino si attesta a 4,59. D'altra parte è una regione a statuto speciale.
  • La Sardegna ne ha 4,31. Ci può stare, avranno contato anche le pecore.
  • La Basilicata ne possiede 3,14 per abitante, o hanno barato col censimento, o i letti sono 32.
  • L'Umbria è l'ultima della lista, ne ha solo 3,09 ogni scarsanta abitanti. Stanno tutti bene, l'aria è buona e si grattano le palle facendo scongiuri contro gli invidiosi.

Problemi ancora da risolvere

La situazione attuale possiamo definirla "rose e fiori", in particolare crisantemi. Restano piccoli problemi che risolverà sicuramente il nuovo governo, per non dimenticarli li ha anche scritti su un post-it.

Note

  1. ^ in realtà: Servizio Sanitario Nemmenopersogno
  2. ^ l'abbiamo riletto per essere sicuri, c'è scritto proprio "diritto"
  3. ^ nonché di chi prende le mazzette
  4. ^ ossia devi essere un barbone, altrimenti le paghi
  5. ^ puoi scegliere la cura che preferisci...
  6. ^ ...basta che sia una di quelle previste dalla tangente
  7. ^ se non ti sta bene puoi anche levarti dalle palle, noi non ci opporremo
  8. ^ Istituto Nazionale per Attombare i Malati
  9. ^ non potevamo scrivere ancora ente pubblico
  10. ^ sì, lo prendono anche gli eredi
  11. ^ sembra quasi che ci si vada pari eh?!
  12. ^ incorporato nel 2013 dall'INAIL, che a sua volta aveva incorporato l'INFAIL, un ente profumato creato da Mussolini
  13. ^ che probabilmente si occupano di inventare presevativi per animali
  14. ^ che si occupa di autorizzare o meno la messa in commercio dei farmaci, senza tener conto delle "sollecitazioni" da parte delle industrie farmaceutiche
  15. ^ nel senso di: AÓ c'hai er codice bianco, a fa' finta de avecce 'na zampa de meno so' bboni tutti
  16. ^ grande quantità, stimabile tra "assai" e "perlamadonna quanti"

Voci correlate

Medicina.png L’ars medica dall’Aborto alla Zoofilia Medicina.png

Tipologie di dottoroni MedicoAnestesista rianimatoreMedico mancatoSegaossaVaginecologoDentistaFisioterapirlaOculistaOtorinolaringoiatraNeurologoPediatraUn altro tipo di pediatraPsichiatraAnalistaPsicanalistaRadiologoRadiologo mancatoFrenologo
Dottori (o presunti tali) famosi Gregory HouseDr. Leo SpacemanL'altro fondatore della medicinaFreudRasputinMeredith GreyRicercatori Oral-BUn medico in famigliaUn medico su dieciUno creativo, ma tantoScrubsChristiaan BarnardGino StradaL'imbalsamatoreL'ehreticoDottor ZoidbergDottor Nowzaradan
Veleni assortiti AmuchinaAnticoncezionaleAspirinaCarbone attivoFarmacoGanjaGlucosioGuttalaxImodiumOlio di ricinoTestosteroneZigulìIstruzioni del velenoRU-486Pillola del giorno dopoVicodinSmegmaVaccinoTalidomide
I ferri del mestiere BisturiGhigliottinaSfigmomanometroTermometroTrauma CenterL'altro Trauma CenterUSBDentieraMenstrual DetectorSperimentazione animaleStetofonendoscopioRisonanza magneticaMedicina difensivaConsenso informatoMalasanità
Terapie d'urto AbortoAllungamento del peneAutopsiaClistereCellule staminaliComa farmacologicoCure per il mal di capocciaDigestione inversaDiuresiEsplorazione analeEutanasiaEvirazioneFecondazione assistitaLiposuzioneEvitare le malattie contagioseMetodo VannoniLobotomiaOmeopatiaPartoParto analeRimedio della nonnaTrattenere le risateTurismo odontoiatricoGinecologia
Malattie che sono malattie AutismoAviariaEscherichia coliInfluenza suinaIpertensioneIpertricosiMucca pazzaAmnesiaAnoressiaAIDS (HIV) • ComunismoDepressioneEbolaEpilessiaEpistassiOnicofagiaSinghiozzoTosseTartaroTumoreBruxismoVirusLupusHerpesMeteorismoMorbo di AlzheimerNarcolessiaObesitàOsteoporosiGlioblastomaInfartoPanza da birraPestePriapismoRaffreddoreLe sue coseSempre le sue cose, ma come piace chiamarle al medicoCome prima, solo che escono dalla boccaUnghia incarnitaTrombosi cerebraleSalmonellosiOrchitePallafittaDisturbo ossessivo-compulsivoGiradito
Malattie che non sono malattie (forse) EliocentrismoLicantropiaDemenza femminile trentenneAlzabandiera mattutinoSculettamentoSindrome dei sentimenti offesiSindrome di WomanSindrome del treno che scappaSindrome della Signora in GialloSindrome da zerbinoSindrome di StoccolmaSindrome di StendhalSindrome da copertinaSindrome di InzaghiSindrome di GiuratoSindrome di LubitzMordicchiare le penneSindrome dell'autoscattoSindrome di Caps LockSindrome del preservativo bucatoSindrome da deficit monetarioSindrome da oblio musicaleSindrome di RonaldoSindrome del piede fetidoSindrome del porco a tavolaSindrome apocalittica premestrualeSindrome del NonciclopedianoSindrome di Kaulitz-EfronSindrome di chi la spara più grossaSindrome delle persone che non capiscono che Coca Cola e Pepsi non sono ugualiIpocondria da WikipediaSindrome delle chiavi che ti cadono nel fondo del portaombrelli solo quando sei in ritardoSindrome della faccia pixellataAssuefazione da videogameTremolio da eccitazioneSindrome del buon predicatoreMorgellonsCelluliteLapsusAllucinazione paranoica plagiomaniacaDisfunzione rettileDelirio da lavoroIncuboSensibilità chimica multiplaMancinismo
Frattaglie assortite (approvate dal MOIGE) Appendice CecaleAscellaBaffiBoccaOrecchioOcchioPupillaBrufoloCapelliApparato capellutoCatarroCodaCuoreCervelloDentiDitoFacciaGrassoInterstizi dei piediIntestino crassoIsole di LangerhansLabbro inferiore destroLanugine ombelicaleLardominaliLingua mortaManiMilzaFegatoPancreasMemoriaMidichlorianNasoOmbelicoPalatoPiediSesto sensoSorrisoSternocleidomastoideoTonsille tolteÜber mascellaVescicaVitaRene
Cose che (sempre secondo il MOIGE) non fanno parte del corpo umano AlitoAnoBuco del culoClitorideCoglioneCuloFedericaFunzioni trigonometricheLinguaManolaMento a culoPallePenePene elettronicoProstataSangueScimmietta del deretanoScorreggiaRuttoreggiaScrotoSistema ruttatorioSputoTattoTesta di cazzoTetteTriculoTrombe di falloppioUrinaUteroVaginaVagina dentataVistaFlora intestinalePolmone