Nonsource:Diario segreto di un Black Metaller

Jump to navigation Jump to search

Giorno 1

Il mio psicologo mi ha obbligato a tenere un diario. Credo che i diari siano noiosi, non si possono sparare in testa per finire sulla copertina di un album. In ogni caso non importa, adesso prendo la mia bella tanica di benzina e vado a fissare minacciosamente una chiesa.

Giorno 2

Stavo parlando con i miei amici black metallers online e mi sono lasciato sfuggire che sto tenendo un diario. Ci siamo messi a discutere: "Tenere un diario è true o no?" Dopo ore di estenuanti riflessioni siamo giunti alla conclusione che è true soltanto se è nero. Quindi sono a posto.

Giorno 3

Non ce la faccio più, devo rivelare a qualcuno questo segreto: tutti i miei amici virtuali credono che io sia norvegese, ma non lo sono! Non so manco dove cazzo sta, la Norvegia! Io sono di Abbiategrasso!

Uff... Ora mi sento meglio.

Giorno 4

Oggi è stata una giornata fantastica!

A scuola ero in bagno a disegnare pentacoli sulle porte dei gabinetti quando mi è venuta un'idea geniale: registrare il mio album nel cesso della scuola. Ho quindi tirato fuori il mio Nokia 3310 e ho fatto una prova. Fantastico! L'acustica era merdosa a livelli inimmaginabili, altro che il bagno di casa mia! Ho iniziato a growleggiare alla grande, quand'ecco che all'improvviso un truzzo entra nel bagno e mi apostrofa dicendo: "Che cazzo fai?" Io stavo registrando una traccia degna di Burzum, e questa interruzione mi ha un poco infastidito. Ho dunque infilzato il truzzo nel cuore con il mio Pugnale Infernale Delle Oscure Anime Maledette E Della Dannazione Eterna (l'ho comprato al Brico) e ho poi nascosto il corpo in un bagno, chiudendo per bene la porta.

Giorno 5

Dannazione, questa mattina a scuola una bidella ha aperto la porta del bagno e ha scoperto il corpo. Prima di morire di spavento è riuscita a lanciare un urlo che ha allarmato tutta la scuola. La preside mi ha subito convocato nel suo ufficio e io ho confessato con orgoglio il misfatto. Sono stato sospeso a tempo indeterminato.

Giorno 6

C'è di buono che se non altro i miei genitori non scopriamo mai che cosa ho fatto, visto che i loro corpi sono a marcire in cantina e le loro anime a marcire all'inferno. Oggi per strada ho visto un gattino molto tenero.

Giorno 7

Oggi ho passato tutta la giornata a bighellonare davanti alla chiesa. A un certo punto è uscita un'anziana signora e io ho cominciato a urlare quanto spacca Satana. Quella è svenuta e io sono scappato, non voglio altri guai.

Giorno 8

A quanto pare uccidere un compagno di scuola ha delle ripercussioni, non lo immaginavo. Oggi è venuta la preside in persona a casa mia per dirmi che sarei dovuto andare in tribunale. L'ho fatta fuori e ho nascosto il suo corpo in cantina.

Due ore dopo

Maledizione, non ho pensato al fatto che se la preside non torna verrano a cercarla a casa mia! Devo scappare, aggiornerò il diario dopo.

Giorno 10

Sono riuscito a trovare un treno merci che va in Norvegia, a quanto pare ce ne sono parecchi che partono da Abbiategrasso. C'è voluto tutto il giorno per trovarlo, ma almeno adesso mi posso rilassare. Mi sono portato due valigie, una grande per tutti i miei CD e i miei trucchi per la faccia e l'altra più piccola per qualche vestito, tanto me li cambio una volta ogni due anni. Ho anche portato la mia chitarra elettrica.

Giorno 11

Non so quanto ancora durerà il viaggio, in ogni caso la fame e la sete sono ancora sopportabili. Mi chiedo cosa trasporti il treno, non riesco ad aprire le casse che mi circondano.

Giorno 12

Non vedo l'ora di essere in Norvegia, dovunque essa sia. Ci siamo fermati in un posto dimenticato da Satana, evidentemente il macchinista aveva finito il cibo. Io credevo si fermassero ogni notte, invece questa consegna sembra essere urgente. Intanto io proverò a rubare qualcosa al negozio.

Giorno 13

Il macchinista ha preso una stanza nella pensione, e nottetempo io sono sceso dal treno e ho rubato tutto il cibo e l'acqua che potevo. Sono tornato sul vagone e ho fatto la solita preghiera di ringraziamento a Satana prima di mangiare.

Giorno 14

Evviva! Siamo ripartiti a tutta birra, e dopo qualche ora ho cominciato a sentire gli ululati dei lupi. Ci avviciniamo sempre di più!

Giorno 15

Eccomi in Norvegia! O almeno credo. Il treno si è fermato in una specie di stazione abbandonata, con qualche vecchio treno. C'è un'umidità pazzesca, è pieno di neve e la nebbia è talmente fitta che non si può vedere dove si appoggia il piede. Mi sono acquattato dietro un albero e ho sentito il macchinista che discuteva con qualcuno, poi sono arrivate altre persone che hanno aperto i vagoni e scaricato il contenuto, a giudicare dal rumore. Quando hanno finito hanno chiuso i vagoni e sono andati via, e io ne ho approfittato per risalirci. Stanotte dormirò qui.

Giorno 16

Stamattina sono sceso dal treno e ho notato con piacere che la nebbia si era diradata. Sono così riuscito a vedere del fumo che si levava in un punto non molto lontano da me. Mi ci sono diretto e non crederete mai a cosa ho trovato! Una chiesa che bruciava! Una vera chiesa di legno che bruciava! E tutt'intorno c'erano 3 fratelli black metallers che intonavano una preghiera a Satana! Per farla breve sono riuscito a farmeli amici, e ho scoperto che sono una band a cui è morto il chitarrista oggi (non hanno specificato come, forse è meglio così). Siccome stasera hanno uno spettacolo e non sono riusciti a trovare un rimpiazzo hanno preso me. Evvai!

Giorno 17

Mi sono svegliato con un mal di testa tremendo, credo di essermi ubriacato ammerda (come diciamo noi di Abbiategrasso) ieri sera. Ricordo che ero spaventato perché non sapevo suonare nessuna delle loro canzoni, e proprio per questo lo show è venuto una merda, ancora peggio di quanto sperassero gli altri. Inutile dire che i metallari sono andati fuori di testa per i miei assoli "ditaacaso" a 300 BPM e la mia totale mancanza di buon gusto musicale, al punto tale che alla fine siamo stati costretti a fare il bis un'infinità di volte. Poi siamo andati a festeggiare e... Bussano alla porta, continuo dopo.

Yu-uh! Sono diventato membro ufficiale della band! Partiamo in tour per tutti I Paesi Merdosi Che Stanno Nel Nord Dell'Europa Dove Fa Un Freddo Del Cazzo domani!

Giorno 18

Oggi siamo saliti sul camion della band e siamo partiti! Dopo sei ore di viaggio siamo arrivati in una città dal nome impronunciabile dove domani terremo un concerto. Intanto degli addetti hanno cominciato a scaricare delle casse dal camion e a montare la scenografia, non vedo l'ora di esibirmi!

Giorno 19

Che figata! Le casse erano alcune di quelle con cui ho viaggiato, e contenevano una scenografia incredibile! Croci girate con Gesù Cristi appesi a testa in giù, sanguinanti! Ci siamo esibiti davanti alla folla per un bel po', ed è stato nuovamente un successo. Uccidere quel truzzo è stata la cosa migliore che abbia mai fatto!

Due anni dopo

Sono qui a scrivere le ultime righe con un mio compagno di band che mi punta una pistola alla testa. Dice che mi ucciderà e andrà a dire in giro che mi sono suicidato per il mainstream che infetta la scena. Io ho detto che avrei accettato soltanto se la foto del mio cranio sfasciato diventerà la copertina del prossimo album e se mi lasciava scrivere queste ultime righe. Direi che la mia è stata una vita completa e che mi sono meritato l'inferno. Addio!