Nonnotizie:Berlusconi indagato per sfruttamento della prostituzione minorile

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search

17 gennaio 2011

È dalla pubblicazione di questo innocente servizio fotografico che i procuratori milanesi hanno cominciato ordire le loro fantasiose teorie.

C'era da aspettarselo. Era solo questione di tempo, o meglio di tempismo, dato il recente verdetto sul legittimo impedimento che dà piena ragione al Premier. Proprio per quest'ultima vittoria della giustizia, la frangia comunista della magistratura è tornata alla carica, questa volta con una accusa fuori da ogni logica nei confronti di Silvio Berlusconi: sfruttamento della prostituzione minorile.

Ci risiamo. Ancora una volta un attacco ignobile alla libertà di un cittadino che finora ha dimostrato un amore smisurato per la sua nazione, nonostante le mille avversità affrontate. Un amore così prorompente che neanche la sua età avanzata è riuscita ad arginare. E proprio su questo amore ancora una volta vengono scaricate tonnellate e tonnellate di fango dai soliti invidiosi.

Ma atteniamoci ai fatti. Secondo la magistratura, che sta procedendo alla perquisizione degli appartamenti reali, Berlusconi avrebbe ospitato a casa propria la religiosa e pudica Ruby, una giovane acqua e sapone (con cui la piccina si esibisce) che arriva dal lontano Marocco, abusando della giovinetta in orge sataniche al limite della perversione chiamate bunga bunga. Ora, sorvoliamo sulla fantasia perversa di questi soggetti, ottenebrati da anni di sevizie inflitte loro nei regimi comunisti da cui sono fuggiti in giovane età per rifugiarsi nel nostro ridente paese. Sorvoliamo su queste frivolezze, dicevamo, e analizziamo le bugie colossali contenute in una simile tesi:

  1. Silvio Berlusconi è fidanzato. Sì è vero, Ruby aveva detto pochi giorni fa che è un uomo solo e lo stesso Berlusconi aveva rilasciato un'intervista in cui diceva di aver passato il Natale a farsi le seghe guardando Barbara D'Urso in televisione. Ma tutto è servito finora a nascondere il nome della simpatica vecchietta che il nostro premier si bomba a dovere da diverso tempo e che, proprio per questo, mai avrebbe tradito con giovani mignotte disinibite.
  2. Silvio Berlusconi non è un pedofilo. Il solo pensare una cosa simile è aberrante. Come può il presidente più amato dagli italiani essere un pervertito? Il presidente a cui decine e decine di famiglie piene di cieca fiducia spediscono per le ferie estive le proprie figlie minorenni? L'uomo che in segno d'amicizia è andato a festeggiare il compleanno di una diciottenne di Casoria. Persino la sua ex moglie Veronica Lario si rimangiò le parole scusandosi dal profondo del cuore, quando lo definì sulle pagine di tutti i quotidiani "uno che intrattiene rapporti con minorenni". Come può essere un pedofilo un personaggio così puro e cristallino?
  3. Ruby non ha mai partecipato ad alcun festino. Come la stessa ragazza ha dichiarato, si è limitata a ballare con un burqua addosso (come tradizione marocchina le impone) e a servire un Sanbitter al premier per poi andare a dormire poco dopo, visto che doveva andare a messa la mattina presto.
  4. Questo ipotetico "bunga bunga" non esiste. Silvio Berlusconi non si è mai preso la briga di negarne l'esistenza. Non vi siete mai chiesti il motivo? Ebbene, il motivo è che questo spregevole atto di libidine non esiste affatto! È un'invenzione dei giornalisti sessuomani e invidiosi.
  5. Ultimo punto: Berlusconi non paga mai una donna. Sarebbe totalmente degradante. Lui, un arzillo vecchietto che nulla ha da invidiare a Raoul Bova e Rocco Siffredi, pagare per ottenere favori sessuali? Ma quando mai?! I casi D'Addario e Macrì, rivelatisi montature colossali, avrebbero dovuto spingere i giornalisti e i magistrati corrotti a smetterla una buona volta di usare la carta del sesso per distruggere il premier. Ma la lezione impartita al direttore dellAvvenire non sembra proprio essere servita. Altre teste cadranno, come è giusto che sia, per il bene dell'Italia.

A nulla è servita la distesa e pacata richiesta di dialogo di Berlusconi a reti unificate di ieri, la magistratura rossa ha ritenuto comunque opportuno procedere senza indugi alla richiesta di autorizzazione a procedere con le perquisizioni, autorizzazione che bene o male dovrà concedere lo stesso premier. Certo, la sinistra contesterà questo fatto, dichiarando che è come richiedere l'autorizzazione a un pedofilo di controllare il contenuto del suo PC in cerca di immagini pedopornografiche, dandogli tutto il tempo di liberarsi delle prove compromettenti. Ma sappiamo benissimo che la sinistra ha perso da tempo la cognizione delle più semplici virtù che caratterizzano un grande statista quale è il Cavaliere: dignità, trasparenza e soprattutto amore. Ecco, tanto basta ad essere sicuri che tutta la verità verrà finalmente a galla e Silvio potrà un giorno lasciarci a testa alta, intonso e illibato, ricordato nei secoli come il più grande uomo politico della storia d'Italia. Anzi di tutta la Storia.

Fonti[edit]

  • Augusto Minchiolini «Berlusconi indagato per eccesso di amore» – servizio di apertura del TG1, 17 gennaio 2011

Fonte rossa[edit]