Nonbooks:Creare una task force nonciclopediana

Nonbooks, manuali e libri scritti dalla ggente.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Attenzione! Questa pagina parla di Nonciclopedia
La seguente pagina contiene quantità abnormi di autoreferenzialità. Se la leggi senza aver prima consultato qualche voce di Nonciclopedia rischi addirittura di imparare qualcosa, e qua nessuno vuole che accada una cosa del genere.
« Prima di farci prendere dai facili entusiasmi, pensiamo alle cose veramente importanti e indispensabili per il progetto! Ad esempio, ragazzi, che colore preferite per le stellette? Verde pisello o marrone diarrea? »
(Fondatore di una task force nonciclopediana su reali priorità)
« La stelletta logora chi non ce l'ha. »
(Giulio Andreotti su task force nonciclopediana)
I prodi volontari del Pruc (Progetto Rasatura degli Utenti Calvi) corrono a compiere il loro dovere.

Vuoi una stelletta luccicante per poter dare un senso alla tua scialba esistenza ma nessun responsabile ti vuole nel suo progetto?
Sogni un futuro come pulisher o restauratore ma hai meno contributi ed esperienza di un totano surgelato?
Ti sei svegliato stamattina e hai finalmente realizzato che nessun amministratore sano di mente metterebbe mai in mano la gestione di Nonciclopedia ad uno come te?
Nessun problema: da oggi diventi TU il responsabile della task force nonciclopediana! Sbizzarrisciti nel creare progetti tanto ambiziosi quanto inutili!
Perché ricorda: il vero scopo di una task force nonciclopediana non è rendere più agevole e pacifica la vita della comunità, ma permettere ai suoi membri di farsi fighi davanti a chi non ne fa parte!

Fase I: Nome

Alcuni solerti utenti discutono se chiamare il loro progetto Fronte Popolare Nonciclopediano o Fronte Popolare di Nonciclopedia.

In questa fase è di primaria importanza decidere quale tipo di impostazione dare alla tua task force.
Bisogna delineare con precisione l'utilità e gli scopi del progetto, trovare un nome accattivante che invogli gli altri utenti a battersi per la tua causa, avere bene a mente pregi e difetti del piano in modo da esaltare i primi e camuffare i secondi sotto una colata di retorica spicciola.
Per venire incontro alle tue comprensibili titubanze la redazione di Nonbooks:Creare una task force nonciclopediana ® ha compilato un pratico compendio comprendente i nomi di progetti da attuare di sicuro impatto:

  • I Respiratori, un team di baldi nonciclopediani che si prende la briga di inspirare ossigeno e di emettere anidride carbonica per conto dell'utenza, permettendo così al resto della comunità di occuparsi di faccende più importanti.
  • I Guardacaffè, il loro compito è controllare che la parola "caffè" sia scritta con l'accento grave. Hanno il potere di rollback e lo usano sia contro chi sbaglia, sia contro chi ha l'ardire di correggere gli accenti prima di loro.
  • I Lollatori, incaricati di inserire l'emoticon lol nelle discussioni degli articoli appena scritti, in modo da dare l'impressione all'autore che il suo lavoro sia stato letto e apprezzato da qualcuno.
  • Gli Spazzini: proprio come farebbe un branco di iene su una carcassa putrescente, infatti, i membri di questa nobile task force hanno l'obbligo di lanciarsi nelle discussioni degli utenti bannati e di infierire su di loro insultandoli per ore e ore.

Fase II: Proposta

Non è raro che dalle proposte nel forum divampino vere e proprie risse da stadio.

Dopo aver scelto un progetto su cui riversare tutte le tue energie, è il momento di sbandierare la tua proposta ai quattro venti. Ricorda che per riuscire a dar vita a un'inutile task force devi poter contare sull'appoggio di perdigiorno, oziosi, cazzari e umoristi incompresi: la maggior parte di loro si annida nel forum di Nonciclopedia.
Presentare la tua idea in maniera concisa ed esauriente può sembrare una passeggiata, ma è un'operazione che rivela insidie e sorprese quanto una rettoscopia a Richard Gere.
Il forum pullula di stronzi patentati che non vedono l'ora di stroncare il tuo progetto per il semplice gusto di farlo o per riposarsi dopo una capatina su Youporn. Occhio anche agli stronzi più pericolosi, gli admin: essendo dei despoti sanguinari guardano con sospetto ogni iniziativa volta a concedere un briciolo di potere ai semplici utenti.
Ecco altri utili accorgimenti per trasformare la presentazione della tua task force sul forum in un successo senza precedenti:

  • Nel messaggio d'apertura del topic abbonda di aggettivi superlativi e dipingi il tuo progetto come una Crociata a cui nessun nonciclopediano timorato di Dio può sottrarsi.
  • Se un utente ti mette in difficoltà con argomentazioni inattaccabili, sminuisci la sua credibilità accusandolo di essere eccessivamente scettico ("Ma basta criticare! Non sei mai favorevole a nulla, fosse per te il cellulare non sarebbe mai nato e saremmo ancora fermi al telegrafo!").
  • Approfitta del conformismo dilagante! Per la legge dei grandi numeri l'utente medio tenderà ad esaminare con fare critico il tuo progetto qualora tu sia l'unico a sostenerlo, e ad approvarlo entusiasticamente se la tua idea troverà il consenso del grande pubblico. Per cui non dimenticare di "citare casualmente" i nomi degli utenti che già hanno aderito al tuo progetto (più sono conosciuti e rispettati e meglio è), e vedrai che ben presto tutti gli altri lobotomizzati nonciclopediani si accoderanno.

Fase III: Reclutamento

Le ultime modifiche, il Tribunale, la macchinetta del caffè: ogni posto è buono per irretire nuovi adepti!

Dopo aver convinto tutti e aver ottenuto il via libera per la formazione di una nuova task force, bisogna arruolare il maggior numero di volontari e riuscire a convincerli che da loro operato dipendono le sorti di Nonciclopedia.
Questa è senza dubbio la fase più facile, perché di gonzi che si ammazzano di fatica in cambio di un minimo di rispetto e considerazione è pieno il mondo, ma attento a non peccare di faciloneria! Anche Vincent Van Gogh pensava che rasarsi i peli delle orecchie fosse una bazzecola e sappiamo tutti come è andata a finire!
Per rendere più fruttuoso il reclutamento è basilare creare la Pagina del Progetto, un puro manifesto che dietro ai soliti paroloni nasconde la più becera propaganda.
Perché una pagina del progetto possa essere considerata tale deve:

  • avere 2 o 3 citazioni ganze di forte impatto emotivo, davanti alle quali il lettore saltuario possa scoppiare in lacrime e mormorare con voce rotta: "Anch'io voglio far parte del [INSERIRE NOME DI UN PROGETTO A CASO]!"
  • descrivere i compiti del progetto come se fossero una passeggiata, e soffermarsi in maniera decisa sui privilegi (birra gratis, posto auto, vergini in Paradiso...) riservati agli aderenti al progetto.
  • avere un sacco di immagini che ispirano eroismo, spirito di sacrificio e abnegazione. Consigliate le foto di Zio Sam, di soldati in zona di guerra e di Clemente Mastella.

Fase IV: Lavoro

Per formare una task force competente è di basilare importanza puntare sui giovani.

Mandare avanti il progetto è forse la fase più delicata del piano: come diceva lo zio morto di un parcheggiatore, "Da grandi poteri derivano grandi responsabilità!"
In effetti quando si crea una task force nonciclopediana non si può mai sapere che tipo di problemi riserva il Fato: possono essere i risultati che non arrivano, i sottoposti che contestano le tue decisioni, gli admin che finalmente capiscono che il tuo progetto è una barzelletta e ti bannano a vita!
Al fine di evitare questi spiacevoli inconvenienti bisogna imparare a muoversi con circospezione e a progettare con largo anticipo tutte le mosse.
Ricordati che un vero leader concede molta fiducia ai suoi uomini, ma per sicurezza rapisce loro la famiglia; per cui se i membri del tuo progetto hanno dei lavori da svolgere in maniera autonoma non asfissiarli con la tua presenza, ma comportati a seconda della situazione: se sono demotivati spronali a far meglio ("Bella giornata oggi, non trovi? Sarebbe un peccato se quella tua vecchia zia si rompesse l'osso del collo cadendo da cinque piani di scale, nevvero?"), se sono troppo zelanti frena il loro entusiasmo ("Ciao, come va il lavoro? Senti, non è che conteresti per me quante volte compare negli articoli di Nonciclopedia la lettera "a"?").
Un altro stratagemma che prima o poi si rivela utile è trovare un capro espiatorio a cui addossare tutte le colpe in caso di disfatta. I capri espiatori migliori sono gli utenti insicuri e suggestionabili.

Nota bene: Nel caso la tua task force si renda colpevole di abuso di potere, mobbing, stalking, footing, crimini di guerra, tentato colpo di stato, diffusione di virus batteriologici o altre amenità simili la redazione di Nonbooks:Creare una task force nonciclopediana ® non è penalmente perseguibile e non concede rimborsi. La redazione consiglia altresì di darti alla macchia usando la scusa di una breve vacanza e di tornare successivamente su Nonciclopedia con una nuova identità.

Fase V: Conclusione

Se sei arrivato a leggere queste righe, puoi ufficialmente vantarti di aver creato l'ennesima task force nonciclopediana!
È il momento di festeggiare: elargisciti una generosa pacca sulla spalla, stappa una Coca Light, urla finalmente sulla tomba della buonanima di tua madre che dopotutto non sei un fallito!
Una volta sbrigate le tediose incombenze sopra elencate, puoi finalmente dedicarti ai particolari del tuo progetto che più ti stanno a cuore!
Impiega 47 pagine sul forum per decidere il colore delle stellette (e altre 15 per gli orpelli)!
Lanciati in cazziatoni immotivati ai tuoi sottoposti, e minaccia di cacciarli dal progetto finché non implorano clemenza in ginocchio!
Inventa prove d'ammissione con le quali angariare le nuove leve, e alla fine scegli i candidato più scarso solo per spezzare il cuore agli esclusi!
Instaura una rivalità mortale contro i responsabili degli altri progetti, e aizza i tuoi galoppini in una faida senza fine!
Perché ricorda: dietro uno scemo c'è sempre un villaggio una task force nonciclopediana.

Voci correlate