Nanowar of Steel

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libidinosa.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
I Nanowar.
« Master of pizza, iamme' cumpa'! »
(Nanowar su ogni cosa)
« To eat the black pork, I will search for the Emerald Fork! »
(Gatto Panceri al cenone di capodanno)
« Però secondo me usare una forchetta di smeraldo solo per mangiare la porchetta mi pare uno spreco »
(Altro membro dei Nanowar subito ucciso con la suddetta Forchetta e sostituito con Rocco per essersi opposto al Boss)
« Our Metal Is So Strong / 'Cause Our Dick Is So Long »
(Nanowar sul nuovo entrato Rocco)
« Drago, dragone, brutto cafone! »
(Nanowar allo stadio)
« Power of the power of the power of the power of the power of the power of the great sword! »
(I Nanowar sul loro membro più importante)

I Nanowar sono un gruppo di supereroi generati al fine di sconfiggere il male sulla terra e nel resto dell'universo (Come dimostra il viaggio di Gatto Panceri su Marte). Sono scomparsi in seguito a un agguato presso i musei capitolini per mano di una spietata gang di partenopei annoiati o almeno così vogliono farci credere).

Applicazioni

Il ramo di specializzazione di questi supereroi è di combattere i poser, e lo fanno a suon di Sacro Metallo, servendosi delle armi tipiche della tradizione metal: spade d'acciaio, martelli, borchie&catene ecc... Se vi trovate davanti a un poser non abbiate paura, anche se spesso sono più di uno non dovete temerli, provate a combatterli con un po' di buon Metal.
Come hobby, ogni tanto, scrivono anche musica.

Storia

Si pensa siano nati per autogenesi dal centro della terra con una colata diretta di metallo, scaturita dal Vesuvio e per il medesimo motivo hanno posto la loro sede a Napoli. Quest'opinione è però sbagliata: essi sono stati infatti creati nella quinta dimensione, fatta di puro metallo,dal dio Sappattoni, con la missione di portare il true metal sulla terra, e solo dopo sono giunti nella città campana. Però, nella fretta di compiere la loro missione, si sono dimenticati di imparare a suonare prima di arrivare sul nostro pianeta, ma di questo a nessuno importa. Fatto sta che dalla loro nascita i Nanowar si sono battuti dapprima al combattimento dei truzzi, emo e soprattutto poser nel territorio amalfitano ma visto il loro successo furono costretti a espandere il loro potere in tutt'Italia e da lì si sarebbero mossi per conquistare il mondo.

Sound

Il sound del gruppo è estremamente complesso e ricercato nei peggiori bar di Caracas, con ardite sperimentazioni che variano dal piacevole rumore delle castagne al fuoco fino al ruminare dei denti di una capra.

Si notino i raffinati arpeggi del chitarrista Abdul, che consistono nel ripetere lo stesso accordo di Obladì Obladà sottomesso minore per tutta la canzone, e la complessità del ritmo della batteria, come si può vedere in canzoni come "Vai Gatto Panceri" (canzone "Bonus Track" dedicata al loro bassista, fonte di ristoro per tutti i membri del gruppo, in virtù delle sue poderose mammelle).

I testi, autentiche poesie, trattano un'enorme quantità di argomenti, fra cui la pace, l'amore, la nonviolenza, la solidarietà e infine, la tolleranza.

Formazione

Discografia

  • 1982 - Inni di battone. Contiene il famoso inno alla gioia, ilcantico delle creature e il padre nostro.
  • 1983 - Into Gloria vai. Inno all'amore platonico, parla di una vecchia fiamma dell'ex triangolista elettrico Gatto Panceri.
  • 1984 - Cura in Inghilterra. Il Grande Fratello rieduca i Manowar, colpevoli di psicoreato.
  • 1984- I segni del martello. La rieducazione dei Nanowar è particolarmente dolorosa.
  • 1987 - Fighting the Microsoft Word. Problemi col computer.
  • 1988 - çHìNg§ òF MèTàL<3<3<3. Considerato il loro capolavoro, contiene la famosa sigla di Jeeg bot Heart of Steel.
  • 1992 - The triumph of steelix. Omaggio ai Pokémon.
  • 1996 - Lorder than hell. Disco sull'importanza dell'igiene.
  • 2002 - Warriors of the Microsoft Word. In 15 anni i Nanowar non hanno ancora imparato ad usare il computer, tranne che il minimo indispensabile per andare su Chiesa.com.
  • 2007 - Godo! Uaaar! Una registrazione dell'orgasmo dei membri dei Nanowar alla vista di un poster del loro idolo Adolf Hitler.