Mulatto

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
« Mulatti? Ah sì, quelli color zio maggghrebba! »
(Truzzo su mulatto)
« Mulatti? Ah sì, quelli color MERDA quando bevi 3 litri di latte! »
« Certo che mi piacciono! Soprattutto quando li puccio nel latte! »
(Hitler su "Nazi Fashion Week")
« Ne sposerei uno, se non fossero tutti gay! »
(Suora di clausura, scrivendo a "Cioè")
« CRUNCH!! »
(Burzum mentre assaggia una mulatta per verificare se sanno di cacao)
« Mi piacerebbe essere uno di loro! »

Un mulatto è un'arma da riproduzione di massa.

Storia[edit]

Il pene di Micheal Jordan nello show "L'Albero dei piselli"

I mulatti nacquero quando tale Micheal Jordan decise di sodomizzare l'Omino Bianco per vedere se riusciva anche a candegginare i suoi spermatozoi color pece. Notato che sorpendentemente l'esperimento diede esito positivo, Micheal si ritenne soddisfatto e abbandonò il povero Omino in balia dei nuovi ibridi (i quali intanto iniziavano già a dare sintomi d'intolleranza verso il "madro", sentimento comunque ricambiato da Omino Bianco, gerarca nazista), per recitare la parte dell'albero nello spettacolo di Paolo Bonolis "L'Albero dei Piselli" dove il pene di Jordan costituiva il tronco dell'arbusto che, da pianticella smorta, con le "amorevoli cure" di una dolce e innocente contadina (Ilona Staller), diveniva una grandissima e altissima sequoia.

L'ascesa[edit]

Rispettivamente il primogenito e il secondogenito di Omino Bianco e Michael Jordan.

Dato il grande successo dello spettacolo, i piccoli color caffellate-nocciola-ebano (o a detta dei leghisti color MERDA TRAMONTO) decisero d'intraprendere la strada del padre, e, con l'assenso di Omino Bianco iniziarono la loro carriera. La scalata verso il successo però si rivelò davvero disastrosa: i registi neri non li volevano perché ritenuti "bianchi", quelli bianchi neppure perché ritenuti "neri", quelli orientali nemmeno perché "non MADE IN CHINA".

Interrotti così i loro sogni, i piccoli mezzosangue decisero di darsi alla musica, dove invece, ebbero un fortissimo successo: il piccolo Salvatore Pasquozzi, ad esempio, divenne il capellone ed enigmatico chitarrista Slash, Bortolo Marlio, in arte Bob Marley, animò il Reggae, mentre Tarcisio Parmeli in arte Francesco Caruso, imparò a suonare il flauto traverso col culo, (finché non passò all'oboe, a sua detta per "...puro piacere della musica").

Un famoso mulatto.

Il declino[edit]

Non tutti però ebbero la fortuna di riuscire nella musica, infatti, ad esempio, tale Barack Obama, vero nome Baracca Urbino, si trovò per sua sfortuna invischiato nella dura lotta per il trono di presidente degli Stati Uniti d'America, titolo che non volle ma che dovette mantenere per ben 231 petosecondi.

Attualmente[edit]

Molti mulatti, infine, hanno deciso che grazie alla loro femminea stazza (2m x 2m) avrebbero potuto investire i loro corpi nel mercato del sesso, travestendosi da truzze e chiedendo denaro in cambio di lunghe confessioni (nel caso i clienti fossero le Iene) o serate intime (nel caso di clienti d'elité o nerd). L'ultima Miss Italia, ad esempio, era un mulatto. Ex-wrestler.

Il mulatto a capo della "Commissione Virilità Mulatti", durante una pausa sul lavoro a "Sexy Bar".

Curiosità[edit]

  • Dal giorno dello stupro Omino Bianco non sopporta la vista di un tronco d'albero, kinder bueno o qualsiasi cosa possa ricordargli il nero e abnorme pene di Michael Jordan.
  • Sebbene siano odiati da buona parte dei terrestri, i mulatti sono in costante aumento, tant'è che si vocifera stiano creando un loro regno: la "Cutatonga", comprendente la provincia di Varese e la Val d'Aosta: per questo la Lega ha deciso di sterminarne la popolazione e appiccare fuoco a tutto ciò che non sia "...né bianco né nero, ma nemmeno grigio, insomma... NEGRO.".
  • I mulatti sono considerati i migliori amici dell'uomo.
  • Se un bianco e nero si scontrano per strada formano per reazione un mulatto: Tex Willer nacque così.
  • Ci si chiede ancora cosa possa nascere nell'incrocio tra mulatti e asiatici, ma molti scienziati pensano che la risposta sia nel DNA di Umberto Smaila.

Voci correlate[edit]