Miraculous - Le storie di Ladybug e Chat Noir

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Edward elric chibi.jpg
Questo articolo è uno stub

Probabilmente l'autore si è suicidato dopo aver visto soltanto il primo episodio
o dopo aver sfogliato il primo volume.
Modificalo ed amplialo per aiutare i piani di
conquista del mondo del grande Impero Nipponico.
P.S.: Se vuoi conoscere gli altri stub relativi a fumetti e cartoni, vai qui.

Chibiusa.gif
Ladybug, sogno erotico di ogni entomologo
« Magolamagamagia! »
(Marinette che si trasforma)
« Bei tempi i miei ... »
(Sailor Moon su Ladybug)

Miraculous è un magno et lieto prodotto dell' animazione della Francia, nata dalla fusione di essa con il Grande Impero del Sol Levante.

La nascita della serie[edit]

L'autore o l'autrice o gli autori (che ricordiamo si sono suicidati dopo la prima puntata) essendosi appena diplomati dalla scuola delle menti brillanti, decisero di creare un cartone animato innovativo, mai visto prima: una maghetta che si trasforma in super eroina! Purtroppo il direttore dello studio di animazione fece presente loro che già esistevano millemilla maghette e così partì una discussione di cui riportiamo fedele trascrizione:

- Invece della bacchetta gli orecchini magici

- Ma dai!

- Allora un eroe coi poteri di ragno!

- Già fatto

- Allora coi poteri di coccinella

- Ti prego

- Con la maschera solo su gli occhi ma che nessuno riconosce!

- Ma chi? Zorro?!

- Allora che cambia vestito durante la trasformazione

[... mentre la conversazione andava noiosamente avanti così, finalmente venne un'intuizione geniale]

- Lo sapete che anche i ragazzini di oggi si segano come facevamo noi?

.... attimo di silenzio imbarazzante e poi

- Allora maghetta coccinella con orecchini magici in tutina aderente con amico gay pussycat noir (poi chat noir) rigorosamente in lattex nero! Titolo "Mira il culo!" (trasformato poi in miraculous)

- BOOOOOM!!!!

Ed ecco a voi Miraculous:

Trama[edit]

Una liceale si trasforma in una LadyBug, cioè una coccinella, per combattere le Forze-del-Male.

Elementi tipici del genere:

☑ Identità segreta.

☑ Amiche + o - simpatiche.

☑ Antagonista minore ricca e spesso antipatica.

☑ Sequenza di trasformazione 

☑ Animaletto coccoloso che le dona i superpoteri.

☑ Vecchio saggio orientale.

☑ Cattivo mascherato

Storia[edit]

Molti secoli fa vennero creati 19 gioielli magici, i Miraculous, che donavano incredibili poteri; per anni degli eroi si servirono di questi per combattere il male per il bene dell'umanità. Dei molti gioielli 7 erano i più importanti, e 2 erano i più potenti: gli orecchini della Coccinella (che trasmettevano il potere della creazione e rappresentavano la fortuna) e l'anello del Gatto Nero (che trasmetteva il potere della distruzione e rappresentava la sfortuna). La leggenda narra che chi fosse riuscito a possedere questi due gioielli avrebbe ottenuto il Potere Assoluto e la possibilità di esprimere un desiderio che avrebbe cambiato la realtà.

Un giorno, il tempio dove erano custoditi i Miraculous fu distrutto da un incendio. Fortunatamente uno dei guardiani, il Maestro Fu, riuscì a scappare e a salvare i gioielli e un libro sacro che conteneva informazioni inestimabili sui loro poteri. Purtroppo, durante il viaggio, il maestro perse due Miraculous (quello della farfalla e quello del pavone) e il libro. Molto tempo dopo un uomo trovò la spilla della Farfalla, il fermaglio del Pavone ed il libro, e conosciuto il potere dei gioielli utilizzò la spilla per diventare il criminale Papillon: questo da quel momento si sarebbe servito dei sentimenti negativi delle persone (rabbia, frustrazione, tristezza, delusione...) per tramutarli in super-cattivi, allo scopo di ottenere i Miraculous della Coccinella e del Gatto Nero e così il Potere Assoluto, ma se state pensando che arruoli un esercito per sferrare ľattacco, vi sbagliate di grosso! Infatti può incantare solamente una persona alla volta, SOLO UNA (o due).

Il Maestro Fu, venuto a sapere del pericolo, essendo troppo vecchio per combattere, riesce a trovare due quattordicenni parigini a cui affidare i Miraculous della Coccinella e del Gatto Nero; i due adolescenti in questione sono rispettivamente Marinette Dupain-Cheng, timida ragazza appassionata di moda e molto goffa, e Adrien Agreste, ragazzo bello e di buon cuore, figlio del famoso stilista Gabriel Agreste che altri non è che il perfido Papillon (padre e figlio ignorano però le rispettive identità segrete). I due ragazzi, servendosi dei Miraculous, si trasformano nei supereroi Ladybug e Chat Noir e combattono i super cattivi creati da Papillon, che molto spesso sono loro compagni di scuola e conoscenti in generale. Gli eroi non sono però al corrente delle reciproche identità: infatti Marinette non sa che dietro la maschera di Chat Noir si nasconde Adrien, la sua cotta per eccellenza, e a sua volta Adrien non sa che dietro la maschera di Ladybug, sua cotta per eccellenza, si nasconde la timida Marinette che lui ritiene solo un'amica.



Non si è capito molto bene come Adrien sia entrato in possesso dell'anello contenente il potere di tutti i neri. Fatto sta che, dopo avere aperto una misteriosa scatola di cereali trovata nella soffitta del potentissimo Magogì abbia cominciato a mostrare strani comportamenti quali: eterosessualità, odio incondizionato per Marine le Pen, avversione verso i cappucci da boia di colore bianco e moltiplicazione dei pani e del pesce. Da lì in poi, dopo che i due fulgidi paladini della giustizia si sono pestati per un po', finisce tutto a tarallucci e vino.

Fatta la pace si scopre il vero cattivo: Le Papillion, che col potere di parlare con le farfalle e di trasformare le stesse in petrolio,comincia, grazie al mutageno vinto a testa o croce con i Kreng comincia a trasformare i poveri ed indifesi[citazione necessaria] cittadini di Parigi in mostri assetati di sangue.[1]

OKAY.png
Spoiler.gif
La trama è finita, leggete in pace.


Personaggi[edit]

Marinette, che Mao la salvi.

Marinette/Ladybug[edit]

Sogno erotico di ogni entomologo, quello che nessuno potrebbe sospettare è che la sua vera identità è, nel rispetto dell'animazione giapponese, quella di una liceale secchiona con i capelli di un colore irreale innamorata del belloccio della situazione, tale Adrien. Egli dal canto suo la ignora talmente tanto che Marinette comincia a chiedersi se esiste. Marinette, dopo essere stata bocciata all'esame dell'associazione eroi, decide di fare l'eroina (per rivenderla ai fattoni dietro casa) per hobby, ma questa sua carriera non dura molto, visto che, essendo donna e senza poteri, viene stesa ad ogni sua apparizione. Dopo l'ennesima pestata viene trovata da un vecchietto magico cinese che è in realtà il suo nonno materno segreto che si vergogna di rivelarle la verità per motivi poco chiari, che le regala due orecchini presi a soli 5€ in un negozio di connazionali.

O forse pensavate che Ladybug fosse stata morsicata da una coccinella radioattiva? Ladybug, Ladybug, Does whatever a lad'bug can, Spins a yo-yo, any size, Catches thieves- just like flies...

Quello che il vecchio dal nome verbale [2] non sapeva è che negli orecchini di plastica albergava lo spirito del fondatore del Milan che, vedendo l'ideologia calcistica della ragazzina, decise di donarle i suoi antichi poteri.

Poteri[edit]

Agilità: abilità che le viene conferita dallo spirito dei calciatori del Milan più forti della storia, in particolare quelli che giocarono l’11/5/2001.

Lucky Charm: consiste nel telefonare ad un numero a caso di Pagine Bianche e chiedere al destinatario della chiamata di dipingere di rosso a pallini neri un oggetto che non gli serve, inutile nel 90% dei casi se non lo usa Ladybug.

Tikki[edit]

Kwami di Marinette, è il classico animaletto puccioso ma inutile da cartone animato al femminile. Doveva essere scelta come mascotte del Milan, per questo odia i demoni con tutto il suo cuore. È lo spirito che trasforma Marinette in una paladina della giustizia. Se ha dei poteri sono talmente inutili da essere dimenticati tre petosecondi dopo averli memorizzati. Puó mangiare i capelli per fonderli assieme in un erotico gioiello sexi.

Chat-Noir/Adrien[edit]

Il vero potere di Adrien.

Nato da padre imprenditore e madre zoccola, dal tipico fisico Svervegiese Adrien vive col padre in una casa con tutti i comfort desiderabili dall'umana umanità; continuamente inseguito da tutti gli esseri non provvisti [3] ma egli a detta sua ha occhi solo per Ladybug, che lui ignora essere Marinette, provandoci spudoratamente quando veste i panni di Chat Noir; la quale ignorando che il supereroe preferito dalle gattare è Adrianne, non glie la da. Avendo capito che non tromberà mai la sua eroina, organizza molti appuntamenti con Federica. Il suo carisma, secondo solo ad un cucchiaino da caffè, e la sua mascolinità[4] lo rendono il personaggio maschile più amato della serie[5].

Scelse il suo nome grazie ad un sito di chat erotiche.

Poteri[edit]

Cataclisma: Consiste nel lanciare una sfera nera piena di energia negrona, proveniente dal lato oscuro della Forza, col potere di guastare irrimediabilmente qualunque cosa colpita.

Plagg[edit]

Kwami di Adrien, trasforma Adriane in Chat Noir. Abita nell'anello di Adrien. La sua nascita è tuttora ignota, ma si dice che sia nato quando Mike Tyson rubò la bicicletta sbagliata. Il proprietario della bici, il potente Mago Galbusera lo rinchiuse in un anello e lo nascose in una bustina che nascose in una scatola di cereali, acquistata poi, vent'anni dopo dalla famiglia di Adrien.

Conte del Millennio/Hawk Moth/Papillon[edit]

Dopo il fallimento della serie animata a cui lavora si dà alle droghe ed all'alcool, finendo trascinato in un giro losco. Si rivolge a molta gente per cercare un lavoro, ed alla fine viene assunto da Luky Luciano come spacciatore. La Akuma & Co. sull'orlo del fallimento viene rilevata dai produttori, che gli chiedono di poterne usare il marchio registrato. Il conte - intuendo una possibile via di uscita dalle persecuzioni delle mafie - accetta e dopo avere riguadagnato tutto ciò che ha perso, fa il pentito di mafia e denuncia tutti i boss ai quali deve dei soldi. Ora nuota letteralmente nell'oro e la sua famiglia, composta tuttora da oltre 13 persone vive felice[6] in una megavilla. Nonostante tutti i comfort possibili ed inimmaginabili della villa egli preferisce vivere in una stanza buia in centro a Parigi, con le sue amiche farfalline.[7]

Poteri[edit]

Tecnica del cannone supremo: consiste nel rollare una canna con una concentrazione di marijuana tale da poter, apparentemente parlare con le farfalle.

Chloé Bourgeois[edit]

Bionda e stronza, come da contratto. E stop.

Poteri[edit]

Stiamo scherzando? I suoi talenti sono perfettamente naturali, come spettegolare alle spalle degli altri, fare la stronza, diffondere menzogne, fare la stronza, umiliare i conoscenti abituali e occasionali, fare la stronza, vantare le proprie ricchezze, le proprie aderenze e il proprio ceto. Eccetera.

È la vera sorgente di negatività della storia, superiore di gran lunga agli akuma, e, infatti, nell'episodio in cui è stata akumizzata è migliorata, riducendosi a una perfetta carogna.

Quando verrà la rivoluzione sarà la prima a venire messa al muro. Questo è il suo vero ruolo nella storia.

Personaggi fondamentalmente inutili[edit]

Dall'importanza praticamente nulla questi personaggi ogni discussione è vana.

Lila Rossi[edit]

Unico personaggio italiano della serie è solita gettare il fango sui rivali e rievocare Pinocchio quando mentiva per pubblicizzarsi come Miss Universi conosciuti e non. Nel solo episodio in cui compare, oltre a mangiare pizza e spaghetti e suonare il mandolino, viene contaminata dal Conte, che la fa diventare Naruto in versione femminile. Vanta parenti illustri: il fratello di sua madre è Paolo Fox, al quale crede ciecamente, il cugino del padre è Vasco Rossi, di cui conosce tutte le canzoni a memoria.

Il Sindaco di Parigi[edit]

Sì, ma come si chiama? E chi lo ha eletto? Ma il sindaco vero non è una donna?

Questo anodino personaggio compare in due soli episodi; in entrambi potrebbe essere sostituito da una patata lessa, migliorando la situazione. O anche dal sindaco di Townsville, il che è tutto dire.

Eziologia e ascendenze della serie[edit]

  • L'antica dea nippoellenica Pollon aveva un oggetto a forma di farfalla, chiamato Miracolo bon bon, che per l'appunto aveva dei poteri magici.
Un altro dei poteri della dea Pollon era spargere una polvere bianca che serviva a dare l'allegria. CVD.
  • "Miraculous", scritto e detto così, suona inglese ma il nome corretto è "Mira-culo" con l'accento piano, come è possibile osservare dalla tutina aderente che costituisce il costume della protagonista. E poi riosservare.
Quanto osservato vale anche nel caso del coprotagonista maschile. Anche questo è un caso di Mira-culous. Il suo costume aderente, con poteri bondage S&M, sarebbe considerato, nella vita reale, oltre che imbarazzante, anche sospetto.
  • Rimane la questione aperta: quando il conte chiede di avere il "Miraculous di Lady Bug" gli interessa il "mira" o solo il "culous"? Non guasta il fatto che vesta e parli come un vecchio vizioso.


Curiosità[edit]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Vero simbolo della Volpina.
  • Tutti, e dico tutti, si muovono sincronizzatamente per la prima stagione, poi abbandoneranno la cosa non avendo vinto le olimpiadi di nuoto sincronizzato.
  • I pois sono fuori moda.
  • Il Conte del Millennio non ha effettivamente poteri. Si droga e basta.
  • La morte non esiste. Anche se stai cadendo dalla luna con un leone attaccato al culo.
  • Probabilmente Parigi conta al massimo quaranta o cinquanta persone tra abitanti e gente di passaggio, dato che le strade sono quasi sempre deserte e si vedono passare sempre le stesse persone.
  • (spoiler) Il Conte del Millennio verrà distrutto quando catastroficamente non darà un akuma a una persona innocua, ma ad Hannibal Lecter, che se lo mangerà.
  • E prima di schiattare farà un monologo.

Voci correlate[edit]

  • Sailor Moon: liceale con poteri magici, animaletto magico, missione magica, eccetera. I suoi nemici trasformano magicamente persone normali in mostri monomaniaci tipo meganoidi.
  • Heinz Doofenshmirtz: tutti gli akuma sono azionati dalle piccole incazzature, esattamente come gli imbesu-inator dell'illustre dottor Doofenshmirtz. Nell'elenco degli -inator si trovano tutti gli akuma.[8]
  • Shpalman: secondo voci da confermare, l'ultimissimissimo episodio vedrà Le Papillon fermato a sorpresa da Shpalman, che sostituirà la sua maschera da farfallon con la maschera di m., con cui punisce i delinquenti. Ahimè, anche Nooroo shpalmato finirà per la sua passività! (Con la conversione in moscone coprofago, da quel momento in poi le vittime candidate alla trasformazione in mostri si vedranno avvicinarsi uno sciame ronzante di mosche puzzolentissime, dandosela a gambe levate).
  • Pervers Pépère: supereroe francese dal naso sgocciolante, noto in tutto il mondo fuorché l'Italia, questo vecchio porco in impermeabile farà esplodere un milione di incazzature contemporanee nell'episodio crossover, mandando Le Papillon in blocco da DoS per l'intera giornata. Il giorno dopo ricomincerà da capo. E poi da capo, con l'intera scuola, quartiere, fermata del bus e dintorni affaccendati da gente sconvolta, indignata, esasperata e offesa, bloccando ogni demoniaca farfalletta tra centinaia di candidati equivalenti. Quando finalmente Le Papillon troverà il soggetto più maligno, sarà proprio il lurido Pépère che userà la farfalletta per soffiarsi il naso e la metterà poi ad asciugare nel forno a microonde, trasmettendo tutti gli effetti a Le Papillon. Tipo bambola Voodoo. E, nel frattempo, Ladybug e Chat Noir continueranno a subire dal vecchiaccio: come tutti quanti i parigini. Sia grazia a Gotlib!

Note[edit]

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Quelli malvagi, invece, li ha sempre lasciati stare.
  2. ^ Fu
  3. ^ ma anche quelli con esso
  4. ^ sì certo, come no
  5. ^ anche perché è l'unico
  6. ^ Non felce. Oppure porta la maschera anche in privato per proteggersi dai licheni.
  7. ^ Tantissime farfalline luminose.
  8. ^ Esempio 1: "La notte dei farmacisti viventi" (Doofenshmirtz crea un -inator che trasforma tutti in lui dicendo Tanti Me!) e "Reflekta" (l'akuma di turno trasforma gli astanti in tante sue copie). Sempre per dispetto. E così via.