I sette samurai

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
"Loro sono in 40, noi dovevamo essere almeno 7 e invece... M'hanno rimasto solo, stì brutti infamoni!!! Mesà che sò cazzi!!"

I sette Samurai (Shichinin no Samurai) è un film diretto da Akura Kuriosava, interpretato, tra gli altri, da Stoshirō Mefuma e Takkashi Pettera.

Il film è considerato un vero "Jidai Geki", termine nipponico che significa "rappresentazione del tempo/periodo"; infatti, visto l'utilizzo delle cupe tonalità cromatiche, della pioggia persistente e dei molti combattimenti nel fango, era proprio un tempo di merda (almeno in quel periodo).
Di fama mondiale, la pellicola è uno dei più grandi successi di Korosaiwa, è considerata da diverse organizzazioni, tra cui la casa di produzione Yakuza Movie, il miglior film prodotto dalla Yakuza Movie, un cult assolutamente da vedere altrimenti vi saranno estirpati i bulbi ocul, forse il primo prototipo del film d'azione.

Trama[edit]

"Ho 62 anni e il mio manico è più dritto del tuo, vergognati!!"

Il film è ambientato nel Giappone della fine del XVI secolo, precisamente nell'anno del Cinghiale (Zhū) 1587. Racconta la storia di un pugno di disperati contadini di un villaggio, in cerca di una difesa da un gruppo di predoni affamati.
L'anziano del villaggio suggerisce ai contadini di cercare aiuto tra i samurai senza signore (Rōnin). La ricerca si presenta subito come un'impresa ardua, nessun guerriero avrebbe offerto aiuto a dei poveri contadini che non avrebbero potuto ricompensare le loro gesta con gloria e denaro.
Dopo aver contattato uno di loro, il Sensei Kesuke Miyagi e, dopo tre giorni di feroci trattative, raggiungono un accordo. Il compenso sarebbe stato:

Miyagi si occupa di assoldare altri sei samurai per la difesa del villaggio, visto il magro compenso deve ripiegare sui Rōnin in offerta speciale (col 60% di sconto) trovati al banco "Affaroni da Katō" del mercato di Ōsaka.
Tornati al villaggio, il gruppo sconfigge i quaranta briganti dopo tre giorni di battaglia, nel corso della quale, diversi contadini e quattro samurai hanno perso la vita.

Come suol dirsi "De scio mast gonna". Durante i festeggiamenti nel villaggio, i tre superstiti cercano di superare la tristezza per la perdita dei compagni con le ragazze "acquisite" e quattro damigiane di saké. Completamente ubriachi, violentano per sbaglio il patriarca del villaggio. Fuggono nella notte inseguiti dai contadini inferociti.

I sette samurai[edit]

Una scena del film in cui trasuda la temibile ferocia dei 7 samurai.

Riconoscibilissimi nella foto a partire da sinistra:

  • Katsushiō Kolamoto e Ughi Fantozzō, inseparabile coppia di samurai iscritti alla "Frangia Tenera" dell'arcigay di Kyōto.
  • Hiroshi Panda, giovane e paffuto samurai padrone della terribile mossa della "Scorreggia Tsunami".
  • Eroitho Accakà, figlio di contadini, si spaccia per samurai (grazie a un falso certificato nobiliare); sfugge ai combattimenti accampando scuse improbabili, tipo "Dovevo studiare per l'esame del sangue!".
  • Daniel LaRusso, giovane allievo oriundo-calabrese di Miyagi, quando è in preda al panico ricorre alla mossa Airone fottuto e si finge morto.
  • il sensei Kesuke Miyagi, capo carismatico del gruppo, esperto di arti marziali, tattiche di guerriglia e bordelli thailandesi.
  • il ninja Tomashi Milyani, che uccide i nemici lanciando piatti di sashimi avvelenato.

I contadini[edit]

"Anvedi come balla Manzō! ...se ce riesco, je monto a neve la topa!"

Tra i contadini rivestono ruoli di primaria importanza:

  • Gisaku Kodo, il vecchio e saggio patriarca del villaggio, sfortunatissimo nel notturno incontro con Kolamoto (affranto dalla perdita dell'amato Fantozzō).
  • Yoshio Rikichi, un contadino a cui i briganti hanno rapito la bella moglie, spera di ritrovarla sana e salva.
  • Tsuchiya Manzō, è un contadino terrorizzato (a ragione) dall'idea che la bella figlia possa perdere la "purezza" a causa dell'arrivo dei samurai.
  • Shino Manzō, figlia di Tsuchiya e costretta dal padre a fingersi uomo. L'espediente le consentirà di rimanere vergine, almeno come segno zodiacale.

Note di produzione[edit]

"Ho capito che ti sei già rotto 4 costole, però la scena della caduta da cavallo è molto importante. Ne abbiamo solo 14, facciamone un'altra per sicurezza!"

Nel progetto iniziale, il regista voleva dirigere un film descrivendo un singolo giorno nella solitaria vita di un samurai. La casa di produzione originaria, la "Pezzenthō Studios" era entusiasta del progetto, doveva pagare un solo attore e si poteva girare il tutto nella casa di campagna del presidente.
Poi Korosaiwa scoprì una storia circa la difesa di un villaggio da parte di un gruppo di samurai e decise di modificare il suo progetto. La "Pezzenthō Studios" accolse il ritocco con leggero disappunto e fanculò il regista immediatamente.
Quest'ultimo non si perse d'animo, interpellò la "Yakuza Movie" ed ebbe i finanziamenti. Le condizioni furono tuttavia pesanti:

  1. diritto di impiegare tutta la troupe (in caso di fallimento del progetto) come bestie da soma e/o corrieri per la droga.
  2. 30% dei guadagni del regista sui successivi 50 film.
  3. diritto di "Ius primae noctis" sulle sue figlie ed eventuali nipotine.

Le riprese[edit]

Korosaiwa si rifiutò di girare le scene al villaggio in un set degli studios. Pretese che venisse costruito in esterni sulla penisola di Izu, anche se questo avrebbe inevitabilmente fatto lievitare i costi. La "Yakuza Movie" non fece una piega.
Il giorno dopo, il pizzo nei negozi di Tōkyō era salito del 7% e ci fu un incremento delle morti dei tossici del 16% per una partita di eroina tagliata troppo e male.

Il montaggio[edit]

La versione originaria del film doveva durare 6 giorni, 14 ore e 38 minuti.
Durante le prime prove di proiezione il pubblico, generalmente al 4° giorno, organizzava un'orgia o dava fuoco alle poltrone del cinema.

Korosaiwa tagliò tutte le scene che riguardavano i contadini e la loro psicologia, tolse anche quelle sulle dinamiche introspettive dei samurai e i ripetuti stupri di gruppo dei predoni sulla moglie del contadino.
Restarono i 207 minuti attuali, ancora abbondanti ma, con adeguato vettovagliamento e scorte d'acqua, affrontabili.

Riconoscimenti[edit]

  • 1956 - Premio BAFTA
    • Nomination Miglior attore oriundo-effeminato a Ralph Macchio (Daniel LaRusso)
    • Nomination Miglior panzone ignudo all'attore Ōtomo Bonchō (Katsushiō Kolamoto)
  • 1957 - Premio Oscar
    • Nomination Miglior pompino simulato all'attrice Kôhechi Ezaki (Shino Manzō)
    • Nomination Migliori costumi da pezzenti a Mesopphuntō Konago

Curiosità[edit]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Con tutta la pellicola girata dal regista, si potrebbe incartare il Rockefeller Center o addirittura le tette di Francesca Cipriani.
  • Korosaiwa ha dichiarato che per la scena dell'orgia finale, si è ispirato ad un suo sogno ricorrente su Biancaneve e i sette nani.
  • Le spade utilizzate nel film sono servite successivamente ad amputare i mignoli degli "spettatori campione" che bruciavano le poltrone dei cinema.
  • Il rumore della "Scorreggia Tsunami" non è doppiato.

Voci correlate[edit]

Papocchio ciak 2.png Orgogli e vergogne della settima arte Papocchio ciak.png
Logo NonCinema.JPG
Fantascienza e avventura Animazione
Fantasy Film d'azione
Comico Orrore
Film vincitori del premio "Nobody cares" Attori vincitori del Premio Oscarrafone
Tutto lo spaventoso mondo del cinema Categorie
Clicca su una voce per espanderla.
Fantasy

Le coliche di Narnia, Il Principe Gaspare - Il signore delle parure - Aragorn - Aborto per ragazzine - Cronache di una bulimia nervosa - Il Miglio verde - il Film dove Ade è Metallaro - Quello che vedi se ti fai troppo di canne - La maschera verde - I duellanti - Conigli e viaggi nel tempo - Sette anime in Tibet - Miscela di grecità random

Film d'azione

V per Vaffanculo - Io sono leggero - Kill Bill Kaulitz - La foresta delle pugnette volanti - I cruciverba - Road trap - Troia - Cuore bravo - Spartaaaaaaaa! - Salvate il soldato Ryanair - I tre balenghi - Gli amici di Charlie Manson - Il nemico a Porta a Porta - Full mafia racket - Un giorno di ordinaria demenza - Life is now - Plasmoon - Puolp Fiction - La città in bianco e nero - Robocop vs Cinesini Saltellanti - Top Gun - Shut the fuck up Island - Cani Riservati... - ... e incazzati - Il riassunto - I guerrieri della botte - Black Hawk Down - Sconti titanici - Il tassinaro - vacanze mafiose a Milano - Fausto e Furio contro l'autovelox - L'uomo di ferro & figlio - La reunion dall'ospizio di attori di action movie vari - Non avere la testa è più divertente - Demoralition man - Le Solite Polpette - La sagra dell'harakiri - I Vendemmiatori - Il mi' Uest, maremma maiala! - Gente con problemi mentali - Alba zozza - Burino al cimitero - Battledogs - Pacific Rimmel - Quelli che è meglio non toccare

Comico

Nemici tuoi - Fantocci - 10.000 lire - La Febbra 1 e 2 - Mobbasta - Momenevado - Fuga da Napoli - Natale al cesso - Il nonsense della vita - Il finto Gesù di Nazareth - Torta Americana - Quel mostro di Franco - Film Spaventoso - L'alba dei morti balbuzienti - Il grande Swarowski

Orrore

Non battete quella porta - Collina zitta - Sega - Il pozzo dei desideri - Derby - Sciamalaiaaaaaaan! - Redrum redrum redrum - Il silenzio della Innocenti - Il sollevatore dell'Inferno - The Vigentina Bitch Project - Setten - Il pianeta dei terroni - Alien vs Predator - Dark Water - Paranormal Activity - Caso cestino e seguito - 30 giorni di buio - Nek - Pecora Nera - Anche l'horror è romantico - Il buco - Il fratello di Van Halen - Giuda ballerino! - L'attacco dei pomodori assassini - V per Vicenza - Non violentate Jennifer - Le mani fatate - Il Discesa - A bad book

Film vincitori del premio "Nobody cares"

Alex l'ariete - Il prequel di Lost - American Biuti - Casto lontano - Diverso a chi? - Quello che corse per 3 anni - Grazie Padre Pio - Grease - Vaselina - Harry Fotter - High School Bordello - 'O Savvatore - Non mi chiamo Qualcuno - La partita a scacchi con la morte - L'ultimo film orrendo di Nicolas Cage - Il GPS nuovo - La cagata pazzesca - La febbre del sabato sera - Gente che evade passando in tunnel pieni di merda - Lemonade Mouth - Il paradosso di Gaetano - Mission (non quella Impossible) - La donna che visse una volta sola - Tredici - Quello che faceva un rumorino da niente - Troppo Belli - Tre metri dentro al culo - Ultimo mango a Parigi - Tormentone natalizio - Il film con Grissom capellone e Goblin truzzo - 100 peggiori film di tutti i tempi - De Drimers - Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto - Vi presento Joe Black - Locke

Attori vincitori del Premio Oscarrafone

Gionni Profondo - Gesuccristo - Uataaaaa! - Il furioso - Fei belliffima... - Lo sbabbaro - Scavicchimanonapra evolution - The Tres - Scamorzoun' - Frocettino - Maccio Capatonda - Brucia lì - Modello Giuditta - Cinetto Arco - Pelo Ponneso - Orso Pozzi - Cipollino - Erberto Dancer - Ispettore Frank Drebin - La moglie di Cletus il bifolco - Il cowboy - La roccia - Marlon Brandy - Miss Divorzio - Tommaso Matasse - Nicolas Toupet - Black Lee - Miss Occhiaie - La produttrice di detergenti intimi - Quella che si spoglia sempre nelle pubblicità - Sabrinona nazionale - L'androide paranoide - Quello che in Italia lavora solo lui - L'uomo dalle mille espressioni - Il baffo - Il mozzaorecchie - Paolo Metropoli - Renato Pozzo senza fondo - Caz Woman - Lupo Alberto è sordo - Lo stupìdo... - ... il compare Cicciozzilla... - ... e la loro fusione - Blackjack - Attenti al gorilla - La serial killer - Guglielmo Fabbro - Quelli originali - Quello nella scatola di latta - Roberto Del Negro

Tutto lo spaventoso mondo del cinema

Film - Come realizzare un film - Cinema - Gente che rompe le palle nei cinema - Hollywood - Cinecittà - TV - Western - Horror - Snuff movie - Cinepanettone - The Asylum - Oscar...rafone - Anche in Albania fanno film - Spada e sandali - Cineturismo

Categorie

Tutte le pellicole - Le fuckcions - Tutti gli attori, le attrici e i registi - Il meglio - Tutte le locandine dei film

Fantascienza e avventura

Star Whores - La sua versione turca - E il suo sequel - Star Treccina - Ettì - La guerra degli immondi - Tremori - La saga di Mosconi Wars - Parco nazionale dei dinosauri domestici - Libertà per il Pride! - Numerix - Pelati dei Caraibi - I Gummies - Rita Levi Montalcini - La storia del barbone matto che mangia le bacche velenose e poi muore a causa della dissenteria - Macachi su Marte - Ritorno al futuro - Avatar - Inception - Il film con la ninfomane fatta in casa - Prometheus - Mostriciattoli verdi che si moltiplicano se bagnati - Babylon A.D. - The Revenant - Jupiter - Il destino dell'universo - Luogo di nascita di George W. Bush e Maurizio Gasparri - Doomsday - il regista senza giudizio

Animazione

Emmmorta!!! - Mostrone verde - L'era del freezer - L'era di sbrinare il freezer - La terza era, arriva la carne - L'era in cui il freezer va in tilt - Sta finendo il mondo e ti preoccupi del freezer? - La pantegana che cucina - No alla depilazione!!! - La storia dei vibra... ehm giocattoli - McDonald's City - Il cattivo di un videogioco che spacca tutto - Vichinghi vs draghi pucciosi - Qualcuno ha visto Nemo? - Bianca e Berna nella terra di Fanculo - Titanic:in space - L'attacco dell'addetta al reparto surgelati