Gattino

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia destinata a un pubblico di soli adulti.
Jump to navigation Jump to search

A causa del loro aspetto adorabile e voluttuoso, i gattini sin da tempi immemori sono stati oggetto di maltrattamenti e torture di ogni sorta.

Storia[merdifica facile | merdifica]

Il ritrovamento della prima vittima

Già dai tempi del Faraone Ramsete II, forte bevitore come suggerisce il suo voluminoso naso rosso, era in uso la pratica di avvolgere i gattini con strisce di seta e dargli fuoco. Successivamente divenne di moda tra i ragazzini gettare le adorabili bestiole nel cemento istantaneo per vedere se imparavano a nuotare prima che il cemento si solidificasse. Molti anziani subirono la stessa sorte.

Un gattino che non ce l'ha fatta

Nemmeno nel medioevo i gattini avevano vita facile. A Firenze, dove cominciavano ad aprire i primi ristoranti cinesi, le adorabili creature venivano grattuggiate vive sulle pietanze come spezie.

Durante la seconda guerra mondiale i gattini venivano sganciati dai bombardieri sulle città, senza paracadute. Il Baffetto era curioso di scoprire se i gattini riuscivano a cadere in piedi da 12.000 piedi di altezza. A questo scopo nel corso del conflitto furono sganciati ben 10.000 gattini sulle principali capitali Alleate. Dai dati raccolti, è emerso che il 99% dei gattini cadeva in piedi, ma si stampava al suolo (emettendo un sonoro PLOTCH, mentre il restante 1% imparava a volare e tornava in quota a fare le boccacce ai piloti.

Presente[merdifica facile | merdifica]

Oggigiorno i gattini hanno ottenuto l'accettazione sociale. Le torture agli animali vengono severamente punite con una tirata d'orecchi e il suffragio è stato esteso anche a tutti i felini non extracomunitari.
Fa eccezione la città-stato di Vicenza, dove i gatti vengono allegramente grigliati e utilizzati come farcitura di panini, focacce, pizze, aratri, pannelli solari e altre prelibatezze tipiche della zona.

Il Riscatto[merdifica facile | merdifica]

Il gattino nella foto in alto a destra (sì lui), qualche istante dopo

Nel XII secolo, in concomitanza degli scontri tra Puffi e Ghibellini, i gattini si raccolsero e organizzarono una rivolta armata per i loro diritti. Dopo anni di sanguinose battaglie, il Ministero della Difesa fu costretto a siglare una pace con i gatti, che avevano purtroppo scoperto i punti deboli dell'uomo: il capezzolo sinistro e la pleura (membrana interna che separa i polmoni).
L'accordo di pace accordava ai gattini:

  • Immunità parlamentare
  • Riduzione dell'età pensionabile da 65 a 60 anni
  • Liberalizzazione dei gomitoli di lana
  • Un pogo stick

Il finale a sorpresa[merdifica facile | merdifica]

E vissero per sempre felici e contenti... ancora per poco

Voci correlate[merdifica facile | merdifica]