Discussione:Ateismo

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search

emh... scusate, ma sono nuovo e non capisco il template d'avviso, ho sbagliato a scrivere qualcosa? se si cosa debbo fare? l'articolo non è conforme alle linee guida? grazie in anticipo --NonDavide 21:57, feb 9, 2010 (CET)

Ma leggere Linee guida, Guida rapida e Manuale di umorismo, no eh?--Logo Bittorrent.pngBigJack 22:47, feb 9, 2010 (CET)ver

piove oggi è colpa del papa- ateo indottrinato dall'uaar-

la mia ragazza mi ha lasciato,colpa della chiesa- ateo indottrinato da indottrinato dell'uaar-


hehehe ma quanto sei simpatico grande Giacomo (non so se hai percepito il mio sottile sarcasmo), ho solo un piccolo dubbio formale: cosa ti faccia pensare che io non abbia letto le tre guide da lei citate in precedenza? comunque ho provveduto nuovamente a rileggerle, se questo le fa piacere, ed ho anche modificato il testo con la speranza che le sia un pò più di suo gradimento, grazie nuovamente, (e la prossima volta... non sia così aggressivo con noi piccoli niubbi). --NonDavide 22:22, feb 10, 2010 (CET)

Il fatto che tu chieda chiarimenti. Cmq hai 7 giorni, se sarà bello, si salverà.--Logo Bittorrent.pngBigJack 22:29, feb 10, 2010 (CET)ver

EH?[edit]

Scusate, mi son perso qualche passaggio. Io avevo creato (o totalmente destubbato, non ricordo) la pagina Ateo, e ora scopro che è stata cancellata e che questa pagina dovrebbe integrarne i contenuti. Perché è stata cancellata ? Qualcuno potrebbe illuminarmi? Preciso che non frequento quasi mai il forum e non so i retroscena.--Sumail 15:20, feb 20, 2010 (CET)

A me era stato chiesto mesi fa di scriverlo prima ancora che fosse scritto questo. Qui il mio abbozzo. L'ho aggiunto a quello presente, però si vede che gli stili sono differenti. -- ǂ LUTHERIGO ǂ  15:49, feb 20, 2010 (CET)
Però la mia pagina si chiamava ateo, non ateismo, e infatti parlava degli atei, le persone, facendone una classificazione. Ed è sparita, boh.--Sumail 16:52, feb 20, 2010 (CET)
Come sparita? Dite che sarebbe meglio dividere l'articolo in due?-- ǂ LUTHERIGO ǂ  17:12, feb 20, 2010 (CET)
No, non deve essere diviso in due ed è lui niubbio: la vecchia pagina è stata cancellata per decisione del tribunale.--Logo Bittorrent.pngBigJack 17:20, feb 20, 2010 (CET)ver
Anche a me era stato commissionato l'articolo il mese scorso… mi apprestavo a iniziarlo oggi, ma l'ho trovato già scritto. Vedrò cosa posso fare. SenzaSenso 17:37, feb 20, 2010 (CET)

Facciamo il punto della situazione[edit]

La precedente pagina ateo è stata cancellata dal tribunale, come risulta dall'archivio: Nonciclopedia:Tribunale/Archivio/35#Ateo.

La pagina ateismo è stata cancellata addirittura prima e redirectata a ateo: Nonciclopedia:Tribunale/Archivio/5#Ateismo.

Data questa mancanza, diversi mesi fa ho chiesto a Lutherigo di fare la pagina ateo/ateismo, che poteva essere un'unica pagina con un redirect all'altra, o due pagine distinte. Luth ha poi deciso di abbandonare la cosa, quindi io le ho segnalate nuovamente tra le pagine da scrivere e sono state scritte dall'utente:NonDavide. Ieri sera ho dato un'occhiata alla pagina, alcune cose erano accettabili, altre un po' meno (tipo la storia di lucifero e la battaglia seguente) e ho deciso di creare il redirect da ateo ad ateismo. Spero di aver chiarito eventuali vostri dubbi.

@SenzaSenso: chi ti ha commissionato l'articolo? --Cugino di mio cugino 17:56, feb 20, 2010 (CET)

Veramente me l'hai proposto tu. SenzaSenso 17:59, feb 20, 2010 (CET)

Vi prego, spiegate voi a senzasenso qual'è l'intento di nonciclopedia.--Logo Bittorrent.pngBigJack 18:00, feb 20, 2010 (CET)ver

Vedo :-) che ancora non ci intendiamo sull'umorismo. Delle tre citazioni che ho messo, almeno questa mi sembra assolutamente degna:
« Nessuno può mancare di fede ai giorni nostri. Gli apologisti cristiani non hanno lasciato più niente da negare. »
Il fatto è che è un umorismo anti-cristiano, non anti-ateo. SenzaSenso 18:03, feb 20, 2010 (CET)

Senzasenso, scusa ma francamente neanche io ho capito le tue citazioni, né ho capito dove sia l'umorismo. --Cugino di mio cugino 18:06, feb 20, 2010 (CET)

Aaah senzasenzo, non avevo notato il link al forum che avevi messo poco sopra. Ora mi sono vagamente ricordato chi sei. In ogni caso le cose che scrivi dovrebbero anche far ridere...--Cugino di mio cugino 18:08, feb 20, 2010 (CET)

Beh, quella sulla conversione all'ultimo minuto è un classico: ironia sull'autenticità dell'ateismo rispetto alle paure religiose. Quella sugli "apostoli più grandi" mostra che Odifreddi, se vuole aver successo, più che scrivere libri deve far riempire la gente di roba a tal punto da dimenticarsi di Dio. E quella che ho riportato qui sopra, a mio avviso, è simpaticissima: basta conoscere un attimo l'apologetica cristiana, con i suoi strampalati tentativi di giustificare l'ingiustificabile, per diventare tutti atei. Non serve altro. Non mi sembra male, no? SenzaSenso 18:12, feb 20, 2010 (CET)
Stavo cercando di mettermi "nei vostri panni" per capire dove fosse il punto che non va in quello che ho scritto, e forse ho capito. In queste citazioni – come anche nei lavori che ho fatto il mese scorso – io cerco di graffiare, con l'umorismo. Sinceramente, non sono mai stato un esagerato cultore del riso fine a sé stesso, ma piuttosto di un'ironia che dà modo di riflettere in modo più profondo, a volte anche drammatico. Riporto da it.wikipedia:

Nel saggio [L'umorismo] Pirandello ce ne fornisce un esempio:
« Vedo una vecchia signora, coi capelli ritinti, tutti unti non si sa di qual orribile manteca, e poi tutta goffamente imbellettata e parata d'abiti giovanili. Mi metto a ridere. "Avverto" che quella vecchia signora è il contrario di ciò che una rispettabile signora dovrebbe essere. Posso così, a prima giunta e superficialmente, arrestarmi a questa espressione comica. Il comico è appunto un "avvertimento del contrario" »
L'umorismo, invece, nasce da una considerazione meno superficiale della situazione:
« Ma se ora interviene in me la riflessione, e mi suggerisce che quella vecchia signora non prova forse piacere a pararsi così come un pappagallo, ma che forse ne soffre e lo fa soltanto perché pietosamente, s'inganna che, parata così, nascondendo le rughe e le canizie, riesca a trattenere a sé l'amore del marito molto più giovane di lei, ecco che io non posso più riderne come prima, perché appunto la riflessione, lavorando in me, mi ha fatto andar oltre a quel primo avvertimento, o piuttosto, più addentro: da quel primo avvertimento del contrario mi ha fatto passare a questo sentimento del contrario. Ed è tutta qui la differenza tra il comico e l'umoristico » (da http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Pirandello, GFDL 1.3)

Ecco la differenza: forse voi cercate il "comico" – che certo è più simpatico e rilassante a prima vista – mentre io cerco l'"umoristico" (certo, nessuno qui è Pirandello). È così? SenzaSenso 18:21, feb 20, 2010 (CET)

No, va benissimo graffiare e far riflettere, ci mancherebbe. Ma come ha detto Cugino, si dovrebbe anche ridere, sennò non è più umorismo. Il problema è che le citazioni sono talmente fini da non strappare nessun sorriso, almeno per me è così. Forse la terza si salva, ma comunque è migliore la descrizione dell'ateo in articulo mortis che c'è nel corso dell'articolo. --nevermindfc(STAVO DORMENDO) 18:43, feb 20, 2010 (CET)

Pienamente d'accordo con Nevermind e con Cugino. Il troppo storpia--Sbreg 18:48, feb 20, 2010 (CET)


« una battuta perde tutto se è per specialisti e devi spiegarla »
(Luttazzi)

La tua è una battuta per specialisti. Magari farà anche morire dal ridere, ma a tre persone. L'unica che mi è piaciuta è quella del tizio che si converte in punto di morte, ma l'hai espressa in termini di aforisma serio, quindi non fa ridere. Magari la si potrebbe proporre così:

« Mi pento dei miei peccati e credo in Dio. »
(Un qualsiasi ateo in punto di morte)

--Cugino di mio cugino 18:59, feb 20, 2010 (CET)

Ragazzi sono inesperto e non so come girano le cose qui, non mi voglio addossare responsabilità, se volete, fatene quello che volete di ciò che ho scritto, rubatevi il materiale, cancellatelo, modificatelo ecc. il mio intento era solo quello di fare un articolo e basta. l'articolo non è più di mia competenza --NonDavide 19:51, feb 20, 2010 (CET)

Ma caro nabbo, non stiamo attaccando te e il tuo lavoro, qui si discute di aggiunte che sono state fatte da altri utenti. le pagine di nonciclopedia non sono proprietà di nessuno e tutti possono contribuire, basta che si seguano le linee guida. Non c'è il rubare ecc...--Logo Bittorrent.pngBigJack 20:02, feb 20, 2010 (CET)ver

Ho visto la decisione del tribunale. Mi spiace che sia stata cancellata, io avevo scritto proprio al parte sui "tipi di ateo", ma la decisione è stata votata e quindi amen. Direi che questa pagian e quella su Dio meritino di essere migliorate, ma io su Dio ho finito le idee. Vedrò di migliorare questa se mi viene in mente qualcosa di buono --Sumail 23:14, feb 20, 2010 (CET)

Caro sumail, il signore ti ha graziato con un santo miracolo! Asd Non chiedermi come sia successo, mistero della fede.--Logo Bittorrent.pngBigJack 23:42, feb 20, 2010 (CET)ver

Troppe citazioni[edit]

Ci sono troppe citazioni, vanno ridotet a 2-3 --SHHot-Line 19:40, feb 22, 2010 (CET)ver

Non fa ridere[edit]

"Dio non esiste. L'ateismo rifiuta ogni credenza dogmatica e propone che dio non esiste le affermazioni di natura metafisica vengano analizzate con un approccio razionalistico e/o scientifico dato che dio non esiste. Poiché dio non esiste l'esistenza di una divinità qualsiasi (che in ogni caso non esiste) dovrebbe quanto meno essere dimostrata per mezzo di prove inconfutabili e oggettive, ma tanto dio non esiste, l'ateo rigetta ogni valenza probatoria della fede e fa appello all'onere della prova spettante a chi afferma l'esistenza di un ente divino che comunque non esiste. " Non fa molto ridere non credete? A me sembra semplicemente propaganda, come tutta la pagina d'altronde. Lo stesso problema della pagina Ateo o Ateismo che c'era prima. Spero in qualche modifica.


A me fa ridere perché mostra come l'unica posizione degli atei sia "Dio non esiste" senza aggiungere null'altro, e mostra quindi l'ottusità di quegli atei che partono dal presupposto di aver ragione.--Cugino di mio cugino 16:59, mar 14, 2010 (CET)


Ah ok. Se la mettiamo così. Ma non credo si capisca molto bene.

In molti pezzi l'umorismo è un po' fiacco, è da cercare col lanternino. Sembra più una pagina di critiche scritte da un credente bilioso. 151.51.10.54

Pensa un po', a me per gli stessi motivi sembra propaganda mascherata da satira in molte parti 78.13.58.79 12:52, feb 28, 2011 (CET)


Vorrei criticare un poco questa pagina. Ci sono molte idee carine, la vecchia solfa del "non c'è nessuno che pensi a Dio quanto un Ateo", etc etc, le critiche ai vari Odifreddi, che ha fatto la sua fortuna (economica) indubbiamente su questa maschera (per me divertente). Siccome amo il vetriolo metterei anche qualcosa contro la cara, vecchia, dolce Margherita Hack, o Dario Fo, etc etc.

E' azzeccata e fa riflettere la verità che gli Atei rompano sempre le scatole agli altri, ce l'abbiano con il vaticano e tutti quei froci preti pedofili (ihihihi), ma con tutta la buona volontà e tutta la mia autoironia mi sembra una "stronzata" colossale l'idea che fai trapelare in alcuni pezzi che la posizione degli atei sarebbe ridicola, perchè non credono senza avere neanche una minima preparazione teologica. E' logicamente indifendibile che per non credere in qualcosa si debba conoscere quello in cui non si crede, quando di quella cosa non vi è alcuna prova o evidenza materiale. Si dovrebbe essere dubbiosi solo perchè tanti altri ci credono?. Poi ovvio tutti liberi di credere di mangiare ogni domenica un pezzo di Dio. Penso poi anche io che sarebbe una buona idea trattare ateismo come "religione". Tra l'altro è sbagliato dire che l'idea di Dio sia insita nella mente umana, poichè quasi un miliardo di cinesi non crede in Dio, e sta benissimo.

Da frasi come È anche la religione degli scienziati o ancora Dogmi antidogmatici si capisce come la pagina tratti già l'ateismo come una religione. Per il resto, penso che l'unica risposta che possiamo darti sia: "pazienza".--Cugino di mio cugino 09:30, set 9, 2011 (CEST)

Come fa Uncyclopedia...[edit]

Io proporrei di inserire un paragrafo in cui si parli di "mitologia atea". Tanto per creare un paradosso comico, facendo sembrare l'ateismo una religione vera e propria. Qualcosa tipo: "Dawkins/Odifreddi (come personaggio lo vedrei più comico) sconfisse Dio con le sue argomentazioni scientifiche e razionali, ed esclamò, in fine: tu non esisti!, facendo sparire Dio in una nube di fumo". --Canaja de Dio!Elisabetta Canalis.png [Inserire frase paraculo che mi faccia apparire simpatico] 05:00, nov 4, 2010 (CET)

Ateismo moderno[edit]

Aggiunta una citazione inerente a Zeitgeist all'inizio ed un paragrafo riguardante l'ateismo moderno all'interno della sezione sulla tassonomia dell'ateismo 78.13.58.79 12:41, feb 28, 2011 (CET) Come non detto, le citazioni sono fin troppe. Ho aggiunto la mia tra le argomentazioni dell'ateo moderno 78.13.58.79 12:44, feb 28, 2011 (CET)


Edit war[edit]

Addirittura... Dottrina Atea, Dialogo atei-agnostici 8, belli. Dialoghi atei-preti (a parte imam) ok, 6 e 1/2, il resto è comicità apologetica, 3-. Citazioni: 1) se la bambina è una figlia, sarebbe meglio scegliere fra "bambina" e "figlia". "Giusta risposta" per quale motivo? Si può dire che la madre dà una "dritta" alla figlia, se si vuole ribadire l'esacerbata assonanza (ninfomania acuta?), non solo fonica, fra razzo e cazzo (che sopratutto se usato all'inizio della frase, sente il bisogno della virgola). 2)"Eh!" si può togliere e "TUA" si può dire "tua". 3) L'immagine sui fumetti non ironizza sugli atei, quella di "gesùbuster" fa semplicemente caccare. 4) La massima degli atei non è quella di credere a niente. Posta la letterale improbabilità della cosa (come si fa a non credere a niente?), se si vuole dire questo, bisognerebbe specificare o esagerare. Conclusioni: un ateo senza auto-ironia, dovrebbe sottrarsi al compito di prendere in giro i propri "non-valori".

Nevermind ha scritto su altro: "Nella loro grande saggezza, i ragazzi hanno però scoperto il vantaggio culturale del liceo classico: la figa". Questo tanto per ribadire che il concetto "ironia da dodicenne" è relativo all'oggetto in discussione. Un cattolico troverà ironie da dodicenne sulla voce Chiesa Cattolica, un ateo su questa. Non c'è nulla di male, basta essere consapevoli dei propri limiti e dei propri Dogmi. --Budino(disc) 14:30, set 5, 2011 (CEST)

Blablablablablabla... --Revenant Lord 90% sarcasmo 10% serietà 12:39, set 5, 2011 (CEST)ver
Gnurànt! --Budino(disc) 14:51, set 5, 2011 (CEST)
Guarda che quell'emoticon si usa quando un utente fa errori grammaticali, cosa che non ho fatto. "ha-ha! nabbo!" --Revenant Lord 90% sarcasmo 10% serietà 14:59, set 5, 2011 (CEST)ver
"Fottesega" Il mio era un gentile invito a rinunciare all'emotichese e a utilizzare vocaboli italiani; non un rimprovero. --Budino(disc) 15:23, set 5, 2011 (CEST)
"Fottesega" Invito rifiutato. Problems? Ah, giusto per non darti false speranze, l'articolo non cambia. No --Revenant Lord 90% sarcasmo 10% serietà 15:31, set 5, 2011 (CEST)ver
Per quanto riguarda il "cambiamento" della pagina, ritengo che, come non c'è alcun dogma che imponga la rinuncia degli emoticon Cry, non ce n'è alcun altro che imponga agli atei nonciclopediani di sfottere le proprie credenze e la propria religione. Ci mancherebbe, accipigna! Però, non mi sarei mai aspettato (seeee) che gli omologhi anglosassoni fossero più disinvolti e meno dogmatici degli italiani. Che atheist delusion... --Budino(disc) 18:15, set 5, 2011 (CEST)

Bestemmiateo[edit]

L'articolo in sé non mi ha fatto ridere, tranne che per il bestemmiateo. Quando ho letto "crede in Porco Dio" sono scoppiato a ridere!!!!

impostazione della voce[edit]

la voce ateismo non mi sembra redatta in linea con lo spirito di nonciclopedia. a parte le frasi celebri trovo i contenuti come delle definizioni oggettive del concetto e non come una presa per il culo, come invece dovrebbe essere.

Tutto quello che possiamo dirti è: pazienza.--Cugino di mio cugino 15:23, gen 23, 2012 (CET)

L'unica cosa che fa un po' sorridere è quella dell'ateo provocatore con il bonzo, tutto il resto sembra scritto da un catto-rosikone.

Giustamente chi può prendere in giro gli atei se non i credenti? Ma in effetti sembra più una rosicata che una presa in giro.

Sono le stesse cose che ci dicono i credenti quando vanno sulla pagina di Dio. Si chiama relativismo, dovreste saperne qualcosa.--Cugino di mio cugino 13:08, dic 31, 2013 (CET)

Complimenti[edit]

So che questa pagina è vecchia di un miliardo di anni ma voglio comunque dirvi complimenti per fare DAVVERO una satira non di parte, che prende per culo non solo i credenti ma anche un po gli atei. --79.37.228.244(disc) 17:49, apr 9, 2017 (CEST)claks