Black out

Da Nonciclopedia, la pseudo-enciclopedia pseudo-libera.
Jump to navigation Jump to search

« In assenza di luce l'oscurità prevale »
(Hellboy tenta con successo di emulare Capitan Ovvio)
E mo' come cazzo faccio a trovare il bagno!?
« La luce crede di viaggiare più veloce di tutto, ma si sbaglia. Per quanto sia veloce, la luce scopre sempre che il buio è arrivato prima di lei, e si incazza. »
(Terry Pratchett)
« Non avere paura del buio, ti aiuterà a trovare la luc...AHHHHH, porca puttana il mignolinoooooooo!!!! »
(Fenomeno che si propone di andare al contatore a controllare, durante un black out)

Il Black Out è una forma di luce al negativo, quella fase di buio che precede un atto sessuale atto a riempire il tempo... in cui l'ENEL sistema il guasto.

Storia

Il primo black out della storia avvenne quando l'inventore della candela in una notte buia e tempestosa, dopo un colpo di vento che spense la candela, non trovò più i fiammiferi per accenderla; dopo un'analisi da parte del suo inventore risultò difettosa e la cera fu cambiata con una resistente alle folate di vento.

Dopo quel giorno il buio non fu più un problema e i black out rimasero per molto tempo un ricordo, fin quando venne inventata l'elettricità. Nikola Tesla fu il primo a trovare modo di illuminare un luogo con la sola elettricità (anche se non sapeva minimamente cosa fosse), anche se fu Thomas Alva Edison a fregargli l'idea...:

Era il 14 ottobre 1902, alle ore 22:34, quando Nikola, uscito per farsi un goccetto con il suo amico Frederic, ebbe l'illuminazione[citazione necessaria]; pensò, guardando con occhio fisso, da ubriaco, dentro al bicchiere... poi d'un tratto uscì dal bar. Senza pagare!

Si diresse a casa, senza passare dal VIA e dopo aver svuotato la boccia del pesciolino rosso che teneva vicino al televisore frigorifero microonde[1] tavolo del suo studio, andò in cucina e riempì la boccia con il gas da cucina chiudendo il tutto con un profilattico. Inserendo poi un filamento di un materiale metallico e inducendo il passaggio di corrente attraverso di esso, il filamento permetteva di generare luce. Si accorse troppo tardi che il gas contenuto all'interno era altamente infiammabile, il quale causò un boato non indifferente provocando un black out di dimensioni inimmaginabili; le lampade a carburo dei lampioni smisero di funzionare fino al giorno successivo.


L'acerrima nemica del black out, la luna.

Dall'invenzione della lampadina ai giorni nostri ne è passata di acqua sotto i ponti, acqua che avrebbe potuto aiutare l'elettricità a creare un black out di dimensioni planetarie, ma ha preferito passare sotto i ponti... non c'è più l'acqua di una volta!

Tanti sono stati gli eventi di interruzione della corrente, ma quello che conta è che tutti abbiano uno scopo:

  • se ti trovi in ospedale e sei attaccato ad una macchina per la respirazione potrebbe essere un problema;
  • se sei in ascensore:
    • se l'ascensore è al buio e sei con una bella ragazza, gioca bene le tue carte e puoi approfittarne per fare la mano morta;
    • se la ragazza è inguardabile spera che non faccia lei la mano morta con te;
  • se sei su internet e stavi guardando in streaming "Il buio oltre la siepe", al buio ci pensa al black out, alla siepe devi pensarci tu;
  • se ti stavi facendo la doccia, in un fredda giornata d'inverno e hai uno scaldabagno Pinguino Delonghi, per la legge di Murphy i pinguini ti verranno a fare visita;
  • se stavi registrando in tv l'ultima puntata di Due assi per un turbo che mandano in onda ogni 400 anni, puoi chiedere i danni all'ENEL e inveire contro la RAI.
« Gli uomini onesti non temono né la luce, né il buio; i politici italiani vivono nella penombra e hanno paura. »
(Proverbio popolare italiano)

Nemici del black out

Eddai... non è divertente!!
Ecco cosa succede quando salta la corrente[citazione necessaria]

Pagine correlate

Collegamenti esterni

Notte Note

  1. ^ Che diavolo, ma cosa inventò questo?? Non aveva nulla!