Barbara d'Urso

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera su cauzione.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
ATTENZIONE! Una mummia davanti a te! Ah no, è solo Barbara D'Urso senza trucco.
« Barbara D'Urso è una gran figa, ma è tutta una vita che fa stronzate! »
(Il saggio Pino Scotto su Barbara D'Urso)
« A Napoli si dice... »
(Barbara D'Urso prima di dire qualunque cosa)
« Io che sono madre... »
(Barbara D'Urso prima di dire qualunque altra cosa)
« IL MIO CUORE È VOSTRO  »
(Barbara D'Urso mentre si tocca amabilmente le tette)
« Se ti va, ti andrebbe di raccontarci dettagliatamente come ogni membro della tua famiglia è stato barbaramente sgozzato? »
(Barbara D'Urso mostrando uno sguardo di puro dolore)
« In esclusiva solo per VOI »
(Barbara D'Urso per qualunque argomento)
« Un saluto ai ciechi che ci stanno guardando! »
(Barbara D'Urso quando contrasse la sindrome di Giurato)
« Mi avete preparato il KAFFEUCCIOOOOO »
(Barbara D'Urso all’inizio di tutti i pomeriggio cinque)

Barbara D'Urso, pseudonimo di Maria Carmelita "puttanone massonico" D’U.R.S.S., è una bugiarda Patologica procace vasciaiola omobitransfobica affetta dalla sindrome di Peter Pan. Nata da una famiglia umile, che possedeva solo quattro ville a Miami[1], si è fatta conoscere dal grande pubblico con la superba interpretazione ne La Guerra di Troia, capolavoro neorealista diretto dal maestro Tinto Brass.

Quando la pelle dell'attrice cominciò a risentire dell'esposizione prolungata a liquidi corrosivi mostrando i primi inestetismi, Barbara decise di rivolgersi al mago Giucas Casella chiedendogli il raro elisir di lunga vita. Lui, con fare intenerito, decise di imporre le mani su di lei, procurandole incidentalmente pure un orgasmo, donandole la già citata sindrome di Peter Pan.

Al momento la D'Urso si è ritagliata uno spazio lungo tutto il santo pomeriggio su Canale 5 dove, tra un sorrisino beffardo e qualche finta lacrima, parla delle disgrazie altrui.

L'approdo in TV

Durante la seconda guerra mondiale Barbara d'URSS si aggirava per i campi di battaglia russi intervistando i feriti.

Si dice che Barbara D'Urso entra nelle case degli italiani. Così per ovviare al problema della paura di ritrovarsela tra i piedi all'improvviso, si decise di farle condurre programmi in televisione fino allo svenimento. Fu così che ebbero inizio una serie di successi conclamati tra cui La dottoressa Giò, il Grande Fratello, La Fattoria, per poi passare con Mattino 5, Pomeriggio 5, Sera 5, Il delle 5 ad una continua serie di appuntamenti che, anche se finti, gli si faceva credere che fossero dei veri incontri galanti.
Similmente a quanto avviene nella maggior parte dei talk show odierni, la qualità della trattazione degli argomenti da parte della d'Urso può essere paragonata alle chiacchiere dei portoni e dei cortili che per secoli hanno intrattenuto le vite delle donne di tutta Italia, compresi gli strepiti, i "signora mia dove andremo a finire" e pianti che farebbero arrossire un coccodrillo.

Tipico ospite di un cenacolo culturale di Barbara D'Urso.

Dopo aver rischiato la vita presentando una roba come Uno due tre stalla, salvata dal prodigioso intervento del mago Giucas Casella con un'imposizione delle mani sulle tette, ha cominciato a occuparsi del programma Guinness World Record, dove attualmente è vittima delle angherie dell'uomo più veloce a lanciare caccole direttamente dal naso.

Il rapporto col "diverso"

Da sempre ambasciatrice del buon gusto e attenta osservatrice della realtà sociale e dei suoi cambiamenti, Barbara D'Urso ha fatto della diversità la sua bandiera. Ecco spiegato il motivo per cui i suoi programmi pullulano di personaggi appartenenti a fasce deboli, come gli eliminati dalla casa del Grande Fratello, gli ex tronisti, finti gay, Parlamentari frammassoni amici sua, troie, bimbeminkia, pornobimbe, vrenzole, alieni, tumori da tiktok, puttanoni nazivegan, femministroidi tribucofore, Radicalshit della Milano bene, zoofile, pedofili, Balene multicolor psuedo-LGBTIA+,Clemente Mastella, escort indagate e i familiari di Clemente Mastella, tutt* riunit* sotto il nome comune di "Zoo da trash dursiano" o nel nome scientifico " Dursianicus trasholeum Zooficus".

Titoli e requisiti per partecipare ai programmi divulgativi di Barbara D'Urso

Il clima casalingo e simpaticamente caciarone dei salotti televisivi di Barbara D'Urso non deve trarre in inganno l'aspirante ospite sulle qualità umane e culturali di chi, seduto sull'agognata poltroncina dinanzi alla pettoruta conduttrice dal sorriso extra large, offre in pasto al pubblico le sue storie di vita prive di attrattiva, ma ricchissime di sfiga. Chi si appresta a mettersi a nudo di fronte a Barbarella, invero, è tenuto a sostenere una serie di difficili audizioni finalizzate ad accertare la padronanza di competenze ritenute fondamentali. Per facilitare la preparazione culturale domestica di chi ambisse alle glorie di "Pomeriggio 5", si elencano di seguito i titoli richiesti per poter accedere alle dure selezioni:

Barbara mentre esprime sincera compassione nei confronti di un povero estintore abbandonato che è un chiaro richiamo al fatto che i suoi figliuoli la odiano a tal punto che uno fa il dottore all'estero e l'altro non è Etero: inoltre per entrambi c'è un VERO ODIO PATOLOGICO E (ragionevole) ASTIO nei confronti della terra che ha dato i natali a quel troione della loro MILF, GOMORRALAND.
  1. Il quoziente intellettivo del candidato dev'essere necessariamente inferiore a -1000. Per verificare ciò, sosterrà una conversazione di almeno 20 petosecondi con Costantino Vitagliano su un argomento a sua scelta tra Pedofilia, Gossip e Mara Maionchi;
  2. L'esaminando dimostrerà di non essere in grado di esprimersi in italiano corrente e corretto, di avere gravi difficoltà nella lettura di testi in stampatello maiuscolo e di saper storpiare qualsiasi cosa di vagamente vicino alla lingua inglese. Non sarà altresì in possesso di alcun attestato di istruzione scolastica, nemmeno quelli conseguiti per corrispondenza. Saranno però valutati positivamente diplomi e lauree acquistate al CEPU;
  3. L'ospite maschio dovrà ineluttabilmente
    1. essere lobotomizzato, glabro per natura o depilato, palestrato e grondante di brillantini e autoabbronzanti;
    2. indossare una camicia aperta almeno fino all'ombelico, onde poter sfoggiare i pettorali scolpiti e la classica profusione di collanine D&G e tatuaggi da Macho®, e con le maniche arrotolate all'altezza del gomito per ostentare eventuali altri tatuaggi e l'immancabile assortimento di braccialetti;
    3. aver un odio trascendentale verso gli incels come De Marco ed Elliot Rodger, facendo trasudare la loro Cuckoldaggine di whitknight e mortidifica rotticulo dai clandestini, tipo Biagio D'Anelli;
    4. Essere di sinistra o un politico frammassone cattolico anti-gay e pedofilo;
    5. Saper spogliarsi e sculettare a comando meglio di Denis Dosio;
    6. Gli unici ospiti maschi autorizzati a non soddisfare i requisiti anzidetti, dovranno per forza essere a un livello di omosessualità pari ad almeno 100 Malgioglio;
  4. L'aspirante ospite femmina dovrà obbligatoriamente
    1. essere dotata di una vocetta stridula/querula e fastidiosa, di norma usata per dire le cazzate più tremende prese da Facebook da brava cagna Radicalshit;
    2. essersi ritoccata il seno, le labbra, gli zigomi, i denti, i polpacci, le caviglie, i glutei e il cervello (allo scopo di renderlo meno pesante per favorire i frequenti movimenti ondulatori delle folte chiome anch'esse extrafinte);
    3. Scopare con cani/cavalli/neri;
    4. Avere chihuahua e amici gays;
    5. Credere nell'oroscopo di Ada Alberti;
    6. Darla a Berlusconi almeno 400 volte di fila prima dei loro 18anni;
    7. Andare in altre trasmissioni televisive a fare le opinioniste scopaneri anti maschiOh b1ancoH alfa cis cattivone blablabla;
  5. Nel caso raro ed eccezionale in cui l'ospite – maschio o femmina – dimostrasse una transitoria parvenza di utopica intelligenza dispotica, verrà fatto accomodare forzatamente a fianco di un/un'opinionista famoso/a che lo immunizzi con il suo ritardo psicomotorio da brava cagna Radicalshit urlando cose da nazionalpopulista per sembrare nel giusto dinanzi a quell'ammasso di ritardate nullafacenti sociopatiche delle Femministroidi con un range da +5 a +99 anni e gays;
  6. Ultimo requisito fondamentale: applaudire a qualunque cosa dica la D'Urso in modo energico e armonioso, senza dimenticare di far sballonzolare le tette sfoggiando sorrisi finti più di un commesso cinese.

Curiosità

L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • Per mostrarsi ecologista usa reggiseni di cipolla contrabbandati da Shrek con doppia funzione: sostegno e aiuto per le storie pseudo tristi.

Note

  1. ^ Nel senso che non aveva altro, né macchine né arredamento.