Bambola gonfiabile

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Questa pagina parla di BOTULINO. Forse cercavi Canotto?
Bambola gonfiabile, compressore e battuta idiota.jpg
« Oggi devo avere la pressione bassa! »
(Bambola gonfiabile su fine umorismo)
« Oggi scoppio di energia! »
(Bambola gonfiabile su sottile umorismo)
« Oggi sono proprio gasata! »
(Bambola gonfiabile su raffinato umorismo)
« Oggi mi sento gonfia come un pallone! »
(Bambola gonfiabile su squisito umorismo)
« Oggi andrò dove mi porta il vento! »
(Bambola gonfiabile che comincia a rompere i coglioni)

Una bambola gonfiabile, nonostante l'apparenza inganni, altro non è che uno di quei sacchetti di plastica che si usano per soffocare i cani, solo con più stile.
Dato l'alone di imbarazzo che scaturisce, la bambola gonfiabile è uno strumento circondato da un ulteriore alone[1] di mistero: le fabbriche che le producono non hanno nessuna insegna o sito web; i negozi di distribuzione che le spacciano sono collocati in angoli bui delle città e non ne fanno pubblicità; le consegne vengono effettuate da corrieri grassi e tozzi con vecchi Iveco cassonati in pacchi anonimi; nessuno ammette di possederne una... Dunque è impossibile dimostrare che le bambole gonfiabili esistano. Ecco perché nemmeno la Chiesa ammonisce sul loro lubrido utilizzo.

Un po' di storia[edit]

Una primitiva bambola gonfiabile, rinvenuta nei pressi di Stonehenge.

Tutti sappiamo che le bambole sono tra i giocattoli preferiti dalle donne. Quello che emerge da recenti scavi archeologici è destinato a ribaltare completamente questo luogo comune[2].

Le bambole sono tra i più antichi reperti archeologici conosciuti finora, infatti se ne sono rinvenuti alcuni esemplari nelle tombe di civiltà antichissime risalenti all'epoca dei dinosauri.

In Italia è stata fatta una scoperta eccezionale riguardo l'uso delle bambole da parte dei maschi in era antica. La testimonianza arriva da un curiosissimo e studiatissimo cimelio del Cretaceo superiore o giù di lì che sta animando le discussioni nei corridoi dei più brillanti istituti di scienze comportamentali dell'essere umano. Suddetto reperto, risalente all'epoca Greco-Romana, sembra riprodurre il gioco innocente di un ragazzo con la sua bambola (fig.2).

Fig.2: φουσκωτή κούκλα.
« Sputa quel pelo. »
(Archeologo alla collega.)

Le origini[edit]

Con i primi manufatti di gomma iniziarono a comparire le prime rudimentali bambole gonfiabili che nulla avevano[3] in comune con quelle attuali. In pratica erano una sorta di ciambella gonfiabile che i marinai usavano per l'addestramento al recupero delle persone cadute in mare.

Durante i lunghi periodi di navigazione questa specie di camera d'aria veniva usata dai marinai per dare forma ad una parte anatomica della donna. Due ciambelle accoppiate potevano essere prese a morsi durante l'atto di masturbazione per dare sfogo alle più sfrenate fantasie erotiche.

Col tempo questa pratica ancestrale di accoppiamento sintetico andava ad arricchirsi di nuovi accessori. Uno dei più comuni era l'aggiunta di uno o più parabordi delle scialuppe di salvataggio al corpo della camera d'aria, atti a dare una forma più umana alla sagoma. Imbragati assieme alle ciambelle i parabordi fungevano da arti superiori e inferiori così che la sagoma avesse dei contorni tondeggianti. Una specie di donnina Michelin, insomma.

« Samantha dove sei? »
(Nostromo che cerca il suo salvagente.)

Ora tutte le parti del manufatto erano state assemblate e iniziavano a delinearsi quelle che furono le linee guida per le odierne bambole gonfiabili.

Usi e costumi[edit]

Contrariamente a quello che è l'immaginario collettivo oggi le bambole gonfiabili occupano un posto rilevante nella società attuale. Avvalendosi del fatto che il lattice di gomma e il silicone hanno dato un contributo ineguagliabile all'aspetto estetico strutturale di questi manufatti, taluni hanno pensato di utilizzarli per i più disparati [4] usi nell'ambito delle attività più svariate. Eccone alcuni esempi:

  • Scalda poltrona. Come è facile immaginare questo astuto utilizzo della bambola gonfiabile è di pratica consueta nelle aule consiliari, accessoriata di meccanismo per alzata di mano.
  • Mezzo busto. Abusato nei Tg, ha il compito di attirare l'attenzione e ammiccare talvolta. Di solito con il loro sorriso riescono ad ipnotizzare il teledipendente, che così non ha bisogno di ascoltare.
Bambola gonfiabile per poveracci.
  • Addetta al buoncostume. Qualche amministrazione comunale ha pensato di sfruttare le bambole gonfiabili, accessoriate da vigilantes, per scoraggiare gli studenti ad appartarsi con i loro partner nei luoghi pubblici rischiando peraltro l'effetto contrario.
« Tesoro, come te non c'è nessuno. »
(Bambola gonfiabile alla pompa di bicicletta.)

Curiosità[edit]

Esiste una tipologia di bambola gonfiabile molto particolare che viene usata in occasioni uniche. Stiamo parlando della bambola gonfiabile elettrica. Nata per operare in situazioni ambientali estreme e con l'intento di soddisfare i piaceri particolari dei ricercatori impegnati al Polo Nord.
Con alcune modifiche al sistema elettrico l'amministrazione giudiziaria americana ha pensato di testare la bambola elettrica sui detenuti rei confessi. Cosicché in alcune carceri i colpevoli dei reati legati all'abuso di Viagra e conseguente decesso della partner, vengono attirati dalla presenza della bambola gonfiabile in una sorta di alcova e al momento dell'atto sessuale giustiziati con una scarica elettrica di 20.000 V sul pisello.

Sondaggio[edit]

<poll> La bambola gonfiabile è: Il palloncino che babbo tiene nel suo comodino Quello che soffia mia sorella dentro la macchina del ragazzo Una ciambella da piscina con due buchi Un accessorio da uomo Un accessorio per due uomini Un accessorio per donne Questo articolo è spudorato Preferisco non rispondere </poll>

Un bambolo gonfiato gonfiabile nella confezione originale.

Voci correlate[edit]

Note[edit]

  1. ^ Nemmanco il Vetril può alcunché!
  2. ^ Angolo della foresta dove le scimmie vanno a spulciarsi.
  3. ^ Saluti al cesso.
  4. ^ Istigazione al suicidio.