Ashtar Sheran

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Ashtar Sheran sulla tazza cosmica
« Come mai non l'ho creato prima? »
(Dio su Ashtar Sheran)
« Ora è tutto chiaro... Vedo la Luce! »
(Qualcuno su Ashtar Sheran)
« Io vengo dal futuro di un'altra galassia. Il mio pianeta è Alpha Centauri e sono qui per salvare la razza umana dall'estinzione finale »
(Ashtar Sheran su se stesso )
« ...è solo un fighetto, figlio di papà... »
(Capitan Harlock su Ashtar Sheran)
« Ecco un altro come me! Vai fratello, batti il cinque! »
(Un appassionato fumatore di canne)
« Certo che a vederlo è proprio un figo...  »
(Hitler su Ashtar Sheran)
« Tagliati quei cazzo di capelli e trovati un lavoro. »
(La mamma di Ashtar Sheran)

Il personaggio[edit]

Ashtar Sheran è il comandante galattico della frottola universale, meglio conosciuta come 2012. Non è un essere umano, non è un essere extraterrestre. In realtà egli stesso si pone spesso le domande "Chi sono? Da dove vengo? Dove sto andando?" ma la risposta che trova è sempre inevitabilmente sbagliata. Alcuni sospettano che sia un ragionere del catasto comunale di Roccacannuccia impazzito per le troppe caccole fagocitate durante il suo duro lavoro, altri che sia il bassista di un gruppo giappocinese metal-sayan (i ca-zza-ri-sayan), caduto in disgrazia dopo un'acuta depressione dovuta alla macabra scoperta che le melanzane sotto vasellina che la madre custodiva gelosamente non erano supposte effervescenti.

Questa matita soddisferà il mio naso?

Vite Passate[edit]

Sin dalla sua prima manifestazione, avvenuta durante un'orgia alla quale partecipavano Mastro Geppetto, Pinocchio, Biancaneve e Cenerentola, egli si identificò come il salvatore della Terra dalla distruzione finale, colui che avrebbe ben consigliato l'umanità dal non fare cazzate. Ma i quattro, fatti di acidi e marjuana non diedero ascolto alle parole del saggio Ashtar, travisando il suo messaggio di pace e amore con drug, sex e rock and roll.
Per questo Ashtar Sheran, tornando indietro nel tempo, decise di manifestarsi a Fatima, ma anche lì, i tre pastorelli lo scambiarono per una Drag Queen, ma dopo aver respirato le sue flautolenze esoteriche, si convinsero di aver visto la Madonna, e dissero di possedere terribili segreti che avrebbero sconvolto la razza umana. La verità è che le droghe fanno sempre male e la gente dovrebbe evitarne l'abuso quando possibile. A meno che tu non faccia parte della razza rettiliana o sia un emo incallito.
Come hobby ha praticato la caccia alle lucertole, da cui estrapolava una potente colorante allucinogeno di colore giallo per i suoi vizi tricologici. Per questo ora è convinto che i rettiliani ce l'abbiano con lui.

Vite presenti[edit]

Ashtar, alla fine, sconcertato dalla pochezza umana, tornò avanti nel tempo e scelse allora di appararire a Bill Clinton, ex presidente U.S.A. Il momento non fu dei migliori dato il calo di consenso dei democratici, ma la sua apparizione convinse l'ex presidente a candidare il suo cane gonfiabile alla Casa Bianca.

Stufo di errare attraverso lo spazio e il tempo facendo la figura del pirla incompreso, decise di apparire in sogno a Bill Gates che, per scongiurare la catastrofe planetaria, prima si masturbò convulsamente e poi spronò i suoi addetti all'architettura di sistemi operativi per la creazione di Windows $Vista.

Famoso sistema operativo fallimentare

.

Ashtar Sheran oggi[edit]

Colto da una sindrome depressiva cronica, attualmente Ashtar Sheran risiede a Teramo, una ridente contea dell'Oklahoma, e manda avanti un ranch nel quale coltiva bulloni e fumetti manga, gestito insieme con la fidanzata di nome Bruno, con il quale ha dato alla luce due maschietti, Ashtar e il Oronzo il grande.
Milita in un partito semisconosciuto professando una via monarchico-marxista per uscire dalle difficoltà della globalizzazione. Le sue idee sono state raccolte in un saggio economico-satirico scritto a quattro mani da quattro scimmie schizzofreniche e nicotina-dipendenti, ancora oggi bibbia della via tremontiana dell'economia.
Ha una relazione sessuale clandestina con David Icke.

Voci Correlate[edit]