Discussione:SIAE: differenze tra le versioni

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia sporcacciona.
Jump to navigation Jump to search
(aggiustata formattazione)
m (→‎Ben fatto: tolgo pezzo scopiazzato)
 
Riga 22: Riga 22:
 
Ma è vero che hanno chiesto una tassa ai bambini delle elementari? LOL--[[Utente:Komet|Komet]] 20:23, 13 lug 2007 (UTC)
 
Ma è vero che hanno chiesto una tassa ai bambini delle elementari? LOL--[[Utente:Komet|Komet]] 20:23, 13 lug 2007 (UTC)
   
  +
Ho tolto una parte scopiazzata da un articolo che però ho linkato nella voce. Tuteliamo i diritti degli autori indipendenti [[Utente:Nunzio_apostolico|Nunzio apostolico]] <sup>[[Discussioni_utente:Nunzio_apostolico|narra]]</sup> 20:23, 31 mag 2009 (CEST)
 
La SIAE sgomina banda di malfattori
 
di Marco Calvo. 11 Settembre 2006
 
 
Era ora; onestamente non se ne poteva più. Negli ultimi tempi questo paese ha preso brutte abitudini: da un lato perseguita evasori fiscali, mafiosi, palazzinari e “furbetti” vari, che nulla fanno di male se non badare agli affari propri (a scapito di pochi milioni di persone, tutto sommato), e dall’altra parte assoluto lassismo per le vere piaghe dei nostri giorni: orde di bimbetti che intonano canti popolari impunemente. Audite, audite: senza pagare la tassa alla SIAE.
 
 
Ecco l’articolo di Repubblica.it:
 
 
La Repubblica.it (Bari), 3 settembre 2006
 
Blitz della Siae alla festa multati i bimbi di Cernobyl
 
di Paolo Russo
 
 
Volevano ringraziare con la musica le famiglie che li avevano ospitati. Ma per l’ispettore hanno violato i diritti d’autore.
 
 
La Siae ha fatto una multa di 205 euro a 14 bambini di Chernobyl per violazione del diritto d’autore. I piccoli, di età compresa tra i 7 e 12 anni, avevano preparato un piccolo spettacolo per dire grazie alle famiglie da cui erano stati ospitati. Con una canzone in bielorusso. Le piccole casse di un computer portatile diffondevano una canzone popolare. E loro, sulla base musicale, avevano iniziato a cantare le prime strofe per salutare le persone che si erano prese cura di loro per quasi un mese.
 
 
I bambini per tutto agosto sono stati ospiti di 14 famiglie di Noci e Martina Franca che hanno aderito al progetto di solidarietà di Legambiente. Domenica 27 era il giorno dei saluti. La Società operaia ha prestato gratuitamente il suo locale nel centro storico di Martina Franca. E lì si sono trovati tutti insieme per l’ultima volta i bambini bielorussi, le loro “famiglie” italiane e tutti quelli a cui i bambini volevano dire grazie. Una sessantina di persone in tutto quelli presenti alla festicciola improvvisata. Del tipo: ognuno porta una cosa. Poi i bambini, che da giorni si organizzavano con le due accompagnatrici, hanno indossato abiti buffi fatti di carta igienica e piatti di plastica e dalle casse del portatile era partita la musica.
 
 
Mentre i bambini cantavano “Viva la gente” e un brano popolare bielorusso, nel locale della Società operaia si è affacciato un estraneo che poi si è presentato come «dottor Francesco Disanto, titolare dell’ufficio Siae di Martina Franca». È arrivato lì, di domenica sera, perché nessuno dei bambini bielorussi aveva chiesto l’autorizzazione a esibirsi alla Società italiana degli autori e editori. «Abbiamo cercato tranquillamente di spiegare che la festa era stata improvvisata alla buona - spiega Michele Massafra, referente territoriale dell’iniziativa benefica - e soprattutto gli abbiamo fatto presente che quella era la nostra serata dei saluti e i bambini avevano pensato di farci questa sorpresa». Ma Disanto non ha ammesso ragioni. Nel verbale arrivato il giorno dopo per raccomandata alla sede della società operaia per oggetto c’è scritto: «Tutela del diritto d’autore, manifestazione per bambini “Progetto accoglienza di Chernobyl” con esecuzioni musicali».
 
Per il titolare dell’ufficio Siae di Martina Franca i bambini bielorussi avevano violato l’articolo 17 della legge numero 633 del 1941. Il reato che gli è stato contestato è quello di esecuzioni di opera di ingegno senza preventiva autorizzazione dell’autore. Bielorusso. «Una decisione sconcertante - denuncia Angela Lobefaro responsabile pugliese di Legambiente Solidarietà - soprattutto a conclusione di una meravigliosa esperienza . Vorrà dire che la Siae si terrà i soldi e noi, nella mente, l’indelebile ricordo dei sorrisi di quei bambini».
 
 
Purtroppo è ormai cosa nota che i bambini di Chernobyl non sono i soli a delinquere. Circola voce che ci sia una certa quantità di farabutti che sotto la doccia fischietta. Anni di educazione, sanzioni e tutta una serie, davvero imponente, di nuove leggi (come la galera per chi spaccia gli MP3, forieri di tante morti il sabato sera, come si sa) sembra non siano ancora sufficienti. Eppure i legislatori, chini (a 45 gradi) sulle loro carte hanno lavorato come non mai, accogliendo tutte, ma proprio tutte, le istanze delle multinazionali in tema di Santa Protezione del Diritto d’Autore (dove l’autore, ovviamente, non è l’autore, ma la multinazionale che detiene i diritti…).
 
 
Ma non basta. Di questo passo, andrà finire che nelle scuole elementari, a fine anno, faranno le recite scolastiche senza versare il giusto obolo ai nostri artisti miliardari. Ma questi bimbetti di 6-7 anni si rendono conto o no di quanto fanno soffire i nostri idoli pop, e le nostre regine delle classifiche?
 
 
Letto 202 volte
 

Versione attuale delle 20:23, 31 mag 2009

grande idea raga! =)--Puzza87 10:52, 9 feb 2007 (UTC)

Cmq mi spiace dirlo ma SGAE ha vinto il processo in primo grado.

Con i soldi che l'ex webmaster gli ha dato a quei bastardi gli auguro ci possano comprare una fornitura di carta igienica...per la diarrea che gli dovrebbe venire...bastardi...--TD §(Prendete,e godetene tutti) 08:18, 6 feb 2008 (UTC)

Questo articolo è geniale... complimenti!--MetalMad 17:39, 17 apr 2008 (UTC)

Ben fatto

Se ci becchiamo una denuncia anche noi e andiamo su Repubblica sai che risate quando le visite al nostro sito triplicheranno.

In realtà è vero... Prima di quel momento sarebbe bello poter bloccare l'edit agli utenti non registrati, poichè credo che ci sarebbe un'ondata di vandali (ma anche un'ondata di cazzate geniali). --Sciamalaian 11:15, 11 feb 2007 (UTC)
Chissà perchè, ogni cosa che faccio porta sempre a denunce legali(vedasi la discussione sul logo)! 8D
Comunque, nel peggiore dei casi finiamo sì al gabbio, ma saremo stra-famosi e quindi, una volta usciti, saremo circondati dalla gnocca.
Devil Kaiser 15:04, 11 feb 2007 (UTC)
mah... quando esco di galera a 70 anni essere circondato da gnocca dopo essere stato sodomizzato per così a lungo potrebbe non piacermi poi così tanto. Ragazzi tutti per uno, uno per tutti. Io intanto rimuovo i miei articoli, voi pensate ai vostri! 8D --Godo-fuffix 17:37, 11 feb 2007 (UTC)
Si salvi chi può

nel caso qualcuno faccia causa sapete che fare: date tutta la colpa a tizio =)--Puzza87 23:12, 11 feb 2007 (UTC)

Godo, in quel caso potresti rivolgerti ad Abdula...Comunque, dovesse capitare il peggio, daremo tutta la colpa a Zenzero. ::Devil Kaiser 00:35, 12 feb 2007 (UTC)

Io direi che ci si può rivolgere alla corte di giustizia europea

Ma è vero che hanno chiesto una tassa ai bambini delle elementari? LOL--Komet 20:23, 13 lug 2007 (UTC)

Ho tolto una parte scopiazzata da un articolo che però ho linkato nella voce. Tuteliamo i diritti degli autori indipendenti Nunzio apostolico narra 20:23, 31 mag 2009 (CEST)[rosica]